17.6 C
Torino
domenica, 14 Luglio 2024

Orto sul balcone con le erbe aromatiche: si può fare

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

di Vanna Sedda
Coltivare spezie e aromi è una delle prime azioni che si possono fare per avviare un orto fai da te sul balcone. In tanti pensano di non avere il pollice verde o un’inclinazione particolare per far crescere piante rigogliose. Eppure basta veramente poco e non occorre neanche avere tanto spazio, è sufficiente un balcone, un davanzale, una mensola o un soffitto per creare un piccolo angolo di giardino. Le erbe aromatiche si prestano particolarmente ad essere coltivate in vaso perché non hanno specifiche esigenze, necessitano di poche cure se non di un po’ di luce e della giusta quantità d’acqua. Avremo in questo modo odori freschi direttamente in casa da utilizzare per condire e insaporire i cibi o preparare tisane profumate.
Ma da dove iniziare? Innanzitutto occorre scegliere il luogo adatto, l’ideale sarebbe fosse esposto a sud, ma l’importante è che sia sufficientemente illuminato. Il secondo passo da fare è recuperare dei vasi o contenitori forati che possono accoglierle, magari riciclati come vecchie pentole, che abbiano un diametro di circa 15-20 cm e una profondità di 10-15 cm. Il fondo di ogni vaso va ricoperto di argilla espansa per garantire il drenaggio delle radici ed evitare i ristagni d’acqua, e poi riempito di terra di buona qualità. A questo punto si può procedere con la semina o con il trapianto delle piantine, l’importante è che il terreno sia mantenuto sufficientemente umido per farle attecchire.
Nella scelta delle varietà da piantare, queste le più facili e che trovano maggiore impiego in cucina:
Erba cipollina
Le sue foglie sono lunghe e filiformi e hanno un delicato aroma di cipolla, senza coprire troppo i sapori dei cibi. Sono perfette su zuppe, pesce, carni e insalate. Gli steli vanno tagliati a poca distanza dalla base in modo che ricrescano continuamente. Va cresciuta all’aperto e poi trasferita in vaso in inverno, con un po’ di luce solare cresce bene anche al chiuso.
Prezzemolo
Cresce a ciuffi e ovunque, senza problemi, anche in casa. Non necessita di luce diretta ma preferisce la mezzombra. In vaso con altre erbe aromatiche potrebbe invadere il loro spazio. Questa pianta dovrebbe essere coltivata direttamente in vaso all’inizio dell’estate, e poi trasferita in casa per l’inverno. Per raccoglierlo vanno tagliate le foglie più in alto prima che vadano in fiore oppure recisi gli steli alla base.
Menta
Fresca e profumata, come il prezzemolo cresce facilmente senza la luce diretta del sole, a piccoli ciuffi ed è invasiva. Per piantarla potete utilizzare anche il metodo della talea, l’importante è innaffiarla regolarmente finché non attecchisce. Vive bene in vaso, è perfetta da tenere in casa soprattutto d’inverno, poiché soffre il freddo. Si raccolgono e utilizzano le foglie.
Basilico
E’ una pianta che va seminata ogni anno e il periodo migliore è il mese di marzo, o comunque la primavera. In casa la temperatura ideale è di 20 gradi, quindi può durare tranquillamente anche d’inverno. Necessita di una buona quantità d’acqua e di luce, ma non nelle ore più calde del giorno, soprattutto all’esterno. I fiori vanno recisi per consentire la crescita, mentre per il suo ampio uso in cucina si consigliano le foglie più grandi e mature.
Rosmarino
Ama il caldo e si sviluppa al sole, quindi va benissimo tenerla in casa in inverno. Tende a diventare un arbusto di grandi dimensioni, quindi può essere trapiantato in un vaso più grande per agevolare la crescita. E’ una pianta perenne, per cui per mantenerlo va potato regolarmente con un taglio netto delle forbici. Si riproduce facilmente per talea.
Salvia
Ama il caldo e il sole e solitamente si coltiva in estate, quindi è meglio tenerla in casa d’inverno. E’ una pianta perenne ma ha la tendenza a diventare lignea. Va quindi potata spesso e annaffiata con moderazione. E’ ottima per preparare tisane digestive.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano