16.6 C
Torino
lunedì, 15 Luglio 2024

Omicidio Ciro Esposito, De Santis racconta: “Se non avessi sparato sarei morto”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Ha deciso di parlare Daniele De Santis, accusato di aver ucciso il tifoso del Napoli Ciro Esposito. Racconta, in un’intervista che uscirà su Panorama, la sua versione di quanto accaduto il 3 maggio 2014, quando sparò prima della finale di Coppa Italia a Roma tra Fiorentina e Napoli.
«Se non avessi premuto il grilletto sarei morto», dice De Santis. «L’unica cosa che non avrei dovuto fare è stata di raccogliere un fumogeno e rilanciarlo ad un pullman parcheggiato sul controviale che chiedeva completamente l’accesso», continua l’ultrà romanista.
Secondo il suo racconto dopo quel gesto trenta persone l’hanno aggredito. De Santis spiega a Panorama che lui è fuggito, ma è stato raggiunto: «Ho preso bastonate e coltellate, poi mentre tentavo di chiudere il cancello la mia gamba è rimasta sotto e si è staccata quasi completamente dal corpo».
«Ho arrancato per qualche metro e li ho avuti ancora addosso – aggiunge De Santis – ero convinto di vivere gli ultimi giorni della vita. Se non avessi premuto quel grilletto sarei morto».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano