21.3 C
Torino
venerdì, 12 Luglio 2024

Nuove regole per i parcheggi a San Salvario per salvarsi dalla movida

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

di Moreno D’Angelo
Dopo il Quadrilatero anche per il quartiere San Salvario, centro della movida torinese, è in programma una riorganizzazione dei parcheggi. La questione è stata affrontata dall’Assessorato alla viabilità e trasporti di concerto con le variegate realtà dell’associazionismo locale e del commercio. Un approccio condiviso che è stato molto apprezzato e che ha portato a un provvedimento concordato che partirà in via sperimentale e sarà oggetto di monitoraggio.
Il modello che si intende adottare è quello che dal 3 giugno riorganizzerà la sosta nello storico quadrilatero compreso fra corso Vittorio Emanuele II, Via Nizza, via Madama Cristina e Corso Marconi. Nel dettaglio il progetto sperimentale prevede che sia riservato ai residenti il 50% dei parcheggi di superficie con apposite demarcazioni in giallo. Gli interessati riceveranno apposite integrazioni ai permessi auto dalla Gtt che i richiedenti riceveranno a casa. La sosta non riservata continuerà a essere indicata con strisce blu. E’ evidente che questo passo non agevolerà il già congestionato quartiere dove parcheggiare è quanto mai difficoltoso e quasi impossibile nelle animate ore serali senza ulteriori operazioni.
Per ovviare a questo dato, incrementando il più possibile i posti auto, vi è l’impegno a realizzare ulteriori stalli su via Nizza e verrà valutata a questo scopo anche l’area di piazza Madama Cristina. E’ inoltre in programma uno studio, di concerto con l’Agenzia per la Mobilità Metropolitana e Regionale, confermato dall’amministratore delegato di Gtt Walter Ceresa, sulla realizzazione di una navetta di collegamento fra il V Padiglione (ulteriore spazio dedicato alla sosta) e l’area di San Salvario, nella quale si concentrano le attività commerciali.
Parla di «punto di svolta» per i residenti e per chi vive la movida l’Assessora alla viabilità, trasporti e infrastrutture Claudio Lubatti: «Soluzioni che miglioreranno la viabilità complessiva del quartiere creando alternative utili». Giudizio condiviso dall’Assessore alla polizia municipale ed alle politiche per la sicurezza Giuliana Tedesco.
Oltre alla movida il quartiere è un pullulare di attività commerciali e, in tal senso, vi è il positivo commento dell’Assessore al commercio e alle attività produttive Domenico Mangone: «Auspico che la creazione della sosta riservata ai residenti riesca a decongestionare il traffico delle auto nella zona». Un giudizio positivo che trova l’accordo di diverse associazioni di San Salvario tra le quali Ascom e Confesercenti. Esprimono soddisfazione per la collaborazione sviluppata con la pubblica amministrazione Yankuam Sartoretto (Associazione commercianti di San Salvario), Davide Pinto (Associazione Baretti) e Amor Ben, rappresentante dei residenti dell’Associazione Baretti e dell’associazione via Baretti Social Street.
San Salvario anche in questo caso testimonia la sua essenza di realtà laboratorio innovativa in cui dialogo e collaborazione tra le sue variegate anime sociali e istituzioni porta a concreti e positivi sviluppi.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano