14.9 C
Torino
lunedì, 22 Luglio 2024

No Tav: “Chi minaccia è nemico del movimento”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

«Sarò il primo a proteggere l’ingegnere di Ltf (Massino Bufalini, direttore dei lavori al cantiere di Chiomonte – ndr)», minacciato dalla sconosciuta sigla “Noa”, Nuclei Operativi Armati, «e con me altri No Tav».
Con queste parole Luca Giunti, tecnico che dovrà «studiare e criticare i progetti della nuova Torino-Lione» su incarico delle associazioni ambientaliste e della Comunità Montana, commenta il documento firmato dal Noa e pervenuto ieri all’Ansa. E lo fa dicendo come stanno le cose. Dice quale sia la posizione di quella lotta popolare che da vent’anni si oppone contro la “grande opera inutile”. Sottolinea con forza che quello che si sta cercando di fare per screditare il movimento affibbiandogli derive terroristiche è assolutamente falso.
Giunti poi spiega come Bufalini sia un «avversario» che però va sconfitto «con le idee, con il ragionamento, con i dati tecnici, con la passione e con lo studio. Per questo, chi vorrà ammazzarlo, o fargli del male, troverà prima di tutto me a proteggerlo».
Infine definisce chi ha firmato il documento di minaccia un «nemico del movimento notav» e che è «lontanissimo dalle sue posizioni e dalla sua storia. Questi sedicenti liberatori in realtà soffocano ogni opposizione contro le opere imposte, inutili e devastanti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano