15.1 C
Torino
mercoledì, 29 Giugno 2022

Nasce IL PENSIERIFICIO, sei incontri con Benedetta Barzini a OFF TOPIC

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Nasce IL PENSIERIFICIO, sei incontri nati da un’idea di Benedetta Barzini per stare insieme, confrontarsi, dare forma ai pensieri, creare spazi di riflessione condivisa con il pubblico e prendersi il tempo di fermarsi.

Un programma di appuntamenti che prende il via martedì 24 maggio, alle ore 19.00, a mare culturale urbano a Milano e mercoledì 25 maggio alle ore  19.00 a OFF TOPIC.

Sul perchè del PENSIERIFICIO Benedetta Barzini racconta: “Ho pensato a un programma d’incontri per scambiare opinioni e raccontarvi quello che ho imparato dopo la parentesi della modella.

Ho studiato i comportamenti umani con l’aiuto dell’antropologia, della sociologia, della storia e ho insegnato in varie università e accademie “Il significato dell’abito nel tempo”, un argomento molto diverso dalla storia della moda, utilizzando anche immagini da decodificare. Questo  programma è scritto con poche parole.

L’ho fatto apposta per lasciarlo aperto ad ogni interpretazione. Lo scopo degli incontri è di riflettere insieme e così facendo di incrementare il proprio sapere grazie alle diverse opinioni e all’analisi dei dati obiettivi. La riflessione inizia con le osservazioni dei presenti che raccontano i loro pensieri rispetto al tema.

Non c’è una vera e propria continuità fra i 6 incontri, anche se molti argomenti confluiscono inevitabilmente gli uni negli altri. L’osservazione dell’esistente è il filo conduttore.

L’obiettivo è stare insieme, confrontarsi. Discutere fa bene alla salute.

Esprimere pensieri, osservazioni da condividere può allargare gli orizzonti scoprendo così l’importanza di porre e porsi domande.

Infine, parlarsi è utile anche per uscire dal silenzio e un po’ dal proprio ‘io’.”

La sinergia Torino – Milano 

Tra OFF TOPIC e Mare Culturale Urbano ci sono un centinaio di km, gli stessi che passano tra Torino e Milano. Succede, in situazioni virtuose, che questo tipo di distanze riescano ad azzerarsi nella condivisione di intenti e di visioni. Accade così che due luoghi diventino un solo luogo, uno spazio unico di pensiero, IL PENSIERIFICIO appunto. Non è del resto oggi più che mai necessario cercare luoghi di pensiero non polarizzato dove poter riattivare l’ascolto e la volontà della comprensione del  punto di vista delle altre persone? “Il pensare” è e resta il fondamento, la missione assoluta degli spazi culturali e coerentemente con i propri scopi Mare culturale urbano e OFF TOPIC creano lo spazio attorno a Benedetta Barzini e a chiunque voglia condividere il proprio pensiero. 

Annarita Masullo co-founder di OFF TOPIC: “Benedetta Barzini è tra gli incontri più folgoranti che si possano avere nella vita. Non per la sua esistenza leggendaria, non per le copertine di Vogue America, non perchè posso chiederle di com’era davvero Salvador Dalì o Duchamp o Andy Warhol, non per le cene da Jackie Kennedy o per essere la musa oggi di Gucci e ieri di Mulas e di Avedon. 

È la mente straordinaria che legge nelle sguardo delle altre persone. È l’umanitá della Cultura, del pensiero brillante. È per come guarda la vita. È per come ascolta tutte e tutti, pur avendo ascoltato i più grandi della Terra. 

È per la poesia che mette in tutto quello che dice. Trovo straordinario che una mente come la sua porti in due spazi culturali un’attività per stimolare il pensiero collettivo. Solo le grandi persone tolgono se stesse dal centro e hanno interesse sincero di ascoltare gli altri.”

Biografia di Benedetta Barzini 

Benedetta Barzini è una delle protagoniste della moda internazionale. Dopo gli anni ‘60, quando ha lavorato come fotomodella negli Stati Uniti, ha ripreso gli studi per capire meglio in cosa consistesse il suo pluriennale lavoro nella moda e si è specializzata nell’analisi del senso e significato dell’abito nel tempo. Ha insegnato questa tematica legata all’antropologia culturale all’Università di Urbino, al Politecnico di Milano e alla Nuova Accademia di Belle Arti di Milano. 


Ha collaborato a parecchie testate, fra cui “Vogue Italia”, ed è autrice di due libri.

È protagonista del film “La scomparsa di mia madre” di suo figlio Beniamino Barrese.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano