21.9 C
Torino
giovedì, 18 Luglio 2024

Movimento Cinque Stelle, oggi le Regionarie online

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Anche il Movimento 5 Stelle fa le sue primarie in vista delle elezioni piemontesi del 25 maggio, solo che saranno online. Oggi, per i grillini, è il giorno delle Regionarie, aperte dalle 10 alle 19 e a cui potranno partecipare coloro che sono iscritti al M5s da almeno sei mesi.
Quaranta nomi, tra cui spiccherà quello del futuro presidente regionale. In questo senso, Davide Bono, attuale capogruppo in Consiglio Regionale nonché unico membro del partito a Palazzo Lascaris dopo l’espulsione di Franco Biolé (oggi membro della lista Tsipras), è il superfavorito. Lui però non accetta la definizione di vincitore a tavolino: «Se venissi eletto nelle Regionarie darei la mia disponibilità a candidarmi alla presidenza» afferma, precisando però che: «La decisione verrà presa dai 40 che entreranno in lista.
È evidente che ho maturato un’esperienza». Attraverso le preferenze online, Bono e tutto il M5s hanno l’obiettivo di «prendere un voto in più del centrodestra e del centrosinistra per cambiare davvero le cose. Corriamo per vincere, non per rimanere all’opposizione».
Lo stesso giorni delle elezioni Regionali, comunque, si voterà anche per le Europee, dove tradizionalmente l’opposizione prende un buon numero di preferenze. Bono spera che questo possa influenzare a favore del M5s anche i voti per la Regione.
Quello che è certo è i grillini punteranno sulla contrarietà all’Europa in campagna elettorale, così come anche Lega Nord, Fratelli d’Italia e Tsipras. Altro tema chiave sarà, come già in Parlamento, il no alla Tav. «A differenza di quanto fanno centrodestra e centrosinistra – conclude Bono – noi partiremo dalla squadra per individuare il candidato presidente. E questo è solo uno dei tanti esempi che ci rendono diversi dalla vecchia politica».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano