27.7 C
Torino
mercoledì, 17 Luglio 2024

Morte bianca nel Canavese: impresario edile precipita da 4 metri

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Le chiamano morti bianche. Ma in realtà sono rosse come il sangue: morti di Stato che urlano giustizia.
Oggi un nuovo nome si aggiunge alla lista nera di chi è deceduto per il proprio lavoro. È successo a Sant’Antonio di Castellamonte, nel Canavese, in provincia di Torino. Un impresario edile di 58 anni, Antonio Compagno residente a San Giusto, è morto dopo essere caduto da un’altezza di quattro metri nel cantiere in cui lavorava.
Immediati i soccorsi, ma nonostante la lunga rianimazione per l’uomo non c’è stato nulla da fare.
Come detto, è solo un altro nome, che va a rimpinguare la già lunga lista: da inizio 2014 sono già 127 i decessi sul posto di lavoro. Nel 2013 sono 1050, considerando anche le morti sulle strade per raggiungere l’impiego.
Dati che macchiano le mani di uno Stato e di una Repubblica che si dice “fondata sul lavoro”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano