28.5 C
Torino
giovedì, 18 Luglio 2024

Meloni contestata a Torino, cariche della polizia nelle vie del centro

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

La premier Giorgia Meloni contestata nel corso della sua visita a Torino, in occasione del Festival delle Regioni. I manifestanti, diventati circa trecento, sono partiti da Palazzo Nuovo nel tentativo di raggiungere piazza Carignano. In via Principe Amedeo si sono spinti contro il cordone delle forze dell’ordine e ne è nato un parapiglia, con qualche manganellata. Poco dopo in via Lagrange c’è stato un lancio di uova all’indirizzo delle forze dell’ordine.

La Digos della Questura di Torino ha identificato oltre 60 persone, tra cui diversi militanti del centro sociale Askatasuna, che avrebbero partecipato agli scontri di questa mattina, a margine della visita della premier Giorgia Meloni nel capoluogo piemontese. A quanto si apprende gli autonomi, secondo gli investigatori, avrebbero coordinato i momenti violenti durante la manifestazione studentesca.
I reati ipotizzati vanno da resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, lancio di oggetti pericolosi e manifestazione non autorizzata. Quattro agenti dei reparti mobili della polizia sono rimasti feriti nei disordini.

Su quanto accaduto è intervenuta la stessa premier all’uscita del teatro Carignano dove si è svolto il festival delle Regioni: “Se le contestazioni sono dei Centri sociali lo considero perfettamente normale, anzi mi ricorda che sono dalla parte giusta della storia, se mi contestano quelli che insultano le forze dell’ordine e organizzano il racket delle occupazioni abusive”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano