21.3 C
Torino
venerdì, 12 Luglio 2024

Materiale medico anti-Covid falso venduto in farmacia, 9 indagati

Più letti

Nuova Società - sponsor
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

L’accusa è frode in commercio per le nove persone (tra cui 4 farmacisti) indagati nell’ambito dell’indagine condotta dalla Guardia di finanza di Torino che ha portato a smantellare un’organizzazione dedita alla truffa sui dispositivi medici anti-Covid.

Nel corso delle perquisizioni infatti sono state oltre 120 mila mascherine, gel igenizzante, test diagnostici per il Coronavirus, termometri digitali e saturimetri privi delle regolari certificazioni, eppure vendute ai clienti. 

A capo della truffa due imprenditori cinesi che non operano nel settore medico-sanitario ma che importavano merce da aziende cinesi inserite in una clack list europea proprio per l’assenza di garanzie sulla qualità dei loro prodotti. Queste aziende avrebbero infatti falsificato i certificati di affidabilità dei loro dispositivi, che le autorità non avrebbero mai conferito loro. 

Altre tre persone invece operavano da grossisti: arrivato il materiale in Italia li rivendevano a aziende compiacenti, tra questi anche quattro farmacie. Lo scambio del materiale, inoltre, avveniva in strada, ed erano contenute in scatole senza il rispetto delle norme igeniche-sanitarie. 

Sequestrati anche i conti correnti riconducibili ai due indagati. 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano