25.2 C
Torino
lunedì, 22 Luglio 2024

Maltrattamenti in famiglia, Furchì non va in aula. I medici glielo vietano

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

I medici gli hanno vietato di presentarsi alla prima udienza del processo per maltrattamenti famigliari. Il filone, parallelo a quello per l’omicidio di Alberto Musy, vede imputato Francesco Furchì e si è aperto dopo la denuncia per presunte violenze nei confronti della coniuge e delle figlie sporta dalla moglie, da cui il presunto assassino del consigliere comunale dell’Udc (contro cui il misterioso uomo con il casco il 21 marzo 2012 esplose i colpi di pistola che dopo 19 mesi di coma lo portarono al decesso) si sta separando.
I medici dell’ospedale Molinette hanno impedito a Furchì di presentarsi in tribunale a causa delle sue precarie condizioni di salute. L’uomo infatti dallo scorso 27 gennaio è in sciopero della fame per cui ha perso oltre venti chili.
Lunedì si è aperto il processo in corte d’Assise per omicidio volontario aggravato dalla premeditazione. Il cambio di corte e di capo d’imputazione è avvenuta in seguito alla morte di Musy dopo, come detto, diciannove mesi di coma.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano