16.7 C
Torino
martedì, 22 Settembre 2020

“Malattia renale: migliorare la vita con l’arte. Due giorni di convegno a Torino”

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Il 6 ottobre ricorre la giornata del dializzato. La malattia renale cronica in Italia colpisce il 7,5% della popolazione maschile e il 6% di quella femminile, numeri che sembrano destinati a salire nel corso dei prossimi anni con l’aumento dell’invecchiamento della popolazione.

Per diffondere informazioni su questa malattia, sulla possibilità di prevenirla o di rallentarne l’evoluzione, adottando stili di vita e di alimentazione più adeguata, il 5 e il 6 ottobre, presso il polo culturale Lombroso 16 di Torino, si terrà l’iniziativa “F-Reni-amo con arte”.

- Advertisement -

La due giorni è organizzata da F-Reni-Amo, un progetto nato dalla collaborazione tra la Società italiana di Nefrologia, la Società Infermieri di area nefrologica, l’associazione nazionale emodializzati e l’Istituto Change di Torino, è sostenuto da Fondazione CRT e dall’azienda Flavis.

- Advertisement -

L’appuntamento di ottobre presenta una novità importante, rispetto ai precedenti appuntamenti: l’utilizzo dell’arte e dell’esperienza artistica per creare attenzione sulla salute e sugli stili di vita che possono migliorare la quotidianità anche quando è già in corso la malattia. “Sono sempre più numerose le ricerche che dimostrano l’influenza positiva delle diverse espressioni artistiche sulla condizione di chi è malato” raccontano gli organizzatori. Nella due giorni verranno proposte attività di educazione alla salute che saranno affiancate da esposizioni di fotografie, dipinti, poesie, sculture, prodotti artistici eseguiti da persone che vivono a diversi livelli l’esperienza della cura in ambito nefrologico. L’evento è aperto a tutti: i cittadini potranno confrontarsi con esperti, usare un punto di misurazione gratuita della pressione arteriosa, e partecipare a una dimostrazione di fitwalking, con il gruppo dell’ospedale Martini.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Laus: “Periferie diventino zone franche urbane”

Da tempo Torino è salita sul podio nazionale delle città con le periferie più popolate. E il primato purtroppo le è valso...

Moncalieri, Paolo Montagna si conferma sindaco. Ballottaggio a Venaria e Alpignano

Secondo mandato per Paolo Montagna, l'esponente del Partito Democratico che al primo turno si riconferma sindaco di Moncalieri con un consenso che...

Pd, lavorare sulle periferie per superare il voto “di protesta”

L'analisi del voto, a caldo, è sempre frutto di una percezione personale in attesa di dati più chiari, flussi e studi più...

Caso Ream, Appendino: “Ho agito in buona fede. Resto sindaca ma mi autosospendo da M5s”

Dopo la sentenza di primo grado che la condanna a sei mesi per il reato di falso in atto pubblico relativo al...

I Cinque Stelle dalla parte di Appendino: “Continuiamo a sostenerla”

Se la maggioranza pentastellata ha vissuto momenti di crisi e ha dubitato della propria sindaca non è di certo oggi. Anzi la...