27.5 C
Torino
lunedì, 22 Luglio 2024

Le pubblicità più divertenti di tutti i tempi

Più letti

Nuova Società - sponsor

Ricordate la prima volta che una pubblicità vi ha fatto ridere così tanto da lasciarvi senza respiro, o che vi è entrata nel cuore a tal punto da ricordarvela ancora oggi? Fin dalla diffusione dei primi spot pubblicitari, i marchi di ogni tipo hanno trovato le idee più originali e interessanti per pubblicizzare i propri prodotti. Che si tratti di caffè, pasta o farmaci lassativi, sono decine le pubblicità rimaste impresse nella memoria degli italiani, il più delle volte per la loro comicità. Per questo motivo, oggi passeremo in rassegna le pubblicità italiane più divertenti della storia, quelle che hanno saputo strapparci una risata e allo stesso tempo veicolare un messaggio efficace.

Gli spot più divertenti nella storia della pubblicità italiana

La pubblicità umoristica italiana ha una lunga tradizione e nel tempo ha saputo regalarci alcuni dei momenti più esilaranti della televisione. Dagli spot iconici degli anni ’80 alle parodie più recenti, la comicità ha sempre saputo trovare il modo di conquistare il pubblico con la sua creatività e il suo spirito ironico.

Di seguito mostreremo alcune delle pubblicità italiane più divertenti e iconiche di sempre, ripercorrendo l’evoluzione della comicità all’interno del panorama pubblicitario italiano.

  • GranTurchese Colussi: tra i biscotti protagonisti degli anni ‘80 c’è sicuramente il GranTurchese Colussi, che ancora oggi è amatissimo per la sua croccantezza e bontà. In uno spot iconico del 1989, vediamo un bambino in procinto di fare colazione con una tazza piena di latte. A questa tazza è attaccata una mini scaletta, dalla quale uno a uno cercano di salire diversi tipi di biscotti canterini. L’unico a riuscirci e a tuffarsi nel latte, tuttavia, è proprio il GranTurchese, che esordisce con ‘Scusate, senza offese, io sono GranTurchese!’, dimostrando di essere migliore degli altri;  
  • Yonkers patatine: forse non tutti le ricorderanno, ma c’è stato un periodo in cui chiunque desiderava le famose patatine al formaggio Yonkers, con la forma ad anello e dal sapore ineguagliabile. A farle ricordare, tuttavia, è anche la loro pubblicità degli anni ‘80. In uno scenario da favola, si vede una principessa che, come Cenerentola, scappa dal castello e perde una scarpetta di cristallo. Il giovane principe, allora, comincia a rincorrerla, non tanto per restituirle la scarpetta o scoprire il suo nome, quanto per prendere la busta di patatine Yonkers che lei ha in mano, per ‘uno snack da favola’;
  • Lavazza: tutti quanti ricorderanno la serie di pubblicità Lavazza con protagonisti Paolo Bonolis e Luca Laurenti, famoso duo comico della tv italiana. Tra queste, una delle più divertenti vede i due amici che chiacchierano in paradiso, ambientazione tipica della pubblicità Lavazza.A un certo punto, Laurenti viene chiamato all’appello per cominciare il corso di pilota, con suo grande disappunto. Per consolarlo, Bonolis, che invece non è stato chiamato, gli offre un delizioso caffè lavazza. Un istante dopo, tuttavia, si scoprirà che a tenere il corso sono due bellissime donne, per la felicità di Laurenti e la delusione dell’amico;
  • Telecom Italia: chiunque, almeno una volta nella vita, avrà replicato questa pubblicità dicendo “Fei Belliffima” alle proprie amiche. Questa citazione deriva da un noto spot di Telecom Italia, che promuove il lancio sul mercato del primo videotelefono fisso del marchio. Tema dello spot è la prima volta in cui due persone, che finora si sono sentite solo al telefono, rivelano il proprio aspetto reciproco;
  • M&M’s con Ruud Gullit: di spot degli M&M’s ne abbiamo visti tanti, ma resterà sicuramente nella storia quello con l’allenatore di calcio ed ex calciatore olandese Ruud Gullit. La scena presenta i due iconici M&M’s parlanti, uno giallo e uno rosso, che giocano in un campo da calcio, osservati proprio dal campione. Alla fine della performance, l’ex calciatore farà i complimenti ai due, dicendo che vorrebbe cambiare un’unica cosa di loro: la capigliatura a treccine. L’umorismo sta nel fatto che i due piccoli M&M’s hanno i capelli identici a quelli di Gullit;
  • Dulco: Dulco è certamente famoso per le sue pubblicità iconiche, che hanno reso leggero e divertente un argomento tabù come la stitichezza. Tra le varie, ricordiamo in particolare quella del 2009, in cui una mamma è pronta a partire per un  lungo viaggio, con tanto di bagagli al seguito, e si prepara a salutare marito e figli, piena di commozione. Alla fine si scoprirà che la destinazione non è altro che il bagno, a indicare il tempo necessario che serve per evacuare per una persona stitica e la conseguente necessità di un lassativo, Dulco per l’appunto.

Come si è potuto notare, la pubblicità italiana, basata spesso sull’ironia e sul divertimento degli spettatori, ha dimostrato di essere un potente strumento per catturare l’attenzione, veicolare messaggi e creare un legame emotivo con chi guarda. Non a caso, i migliori spot sono quelli in grado di rimanere impressi nella nostra memoria anche a distanza di anni.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano