20.4 C
Torino
giovedì, 18 Luglio 2024

L'assessore Passoni risponde al Gabrio sulla bonifica in via Revello

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

La Città di Torino non è rimasta con le mani in mano, ma sta concludendo la fase di progettazione che consentirà di giungere quanto prima all’apertura del cantiere di demolizione e bonifica dell’immobile. Una decisione assunta nel 2012 e che purtroppo, anche a causa del perdurare dell’occupazione, non siamo riusciti a concludere prima.
Oggi registriamo la disponibilità degli occupanti ad abbandonare l’area, requisito necessario per poter approvare il progetto definitivo di demolizione e bonifica. Non è stato così sinora, al punto che in più occasioni sono state necessarie mediazioni e incontri per effettuare i prelievi di campioni dei materiali necessari alla definizione del piano di bonifica e per effettuare i rilevi dello stato dei luoghi. Abbiamo scelto, dunque, di proseguire nel tempo – e nonostante qualche incomprensione – con questa linea di dialogo e confronto anche nell’interesse dei cittadini della terza circoscrizione.
Un anno per elaborare un progetto di bonifica può sembrare molto, ma le procedure, le norme e le cautele cui bisogna attenersi in questi casi sono davvero molte. A solo titolo esemplificativo segnalo che gli Uffici hanno dovuto ripetere per due volte alcune analisi su campioni di materiale in quanto i risultati ottenuti erano discordanti. Non si è dunque perso tempo, ma si è lavorato con accortezza e precisione su un cantiere che costerà alla collettività circa 500mila euro.
Il 2 dicembre la Giunta Comunale approverà il progetto definitivo e nella primavera partiranno i lavori che dureranno circa 10 mesi. Sarà un cantiere complesso, così come lo sono tutti quelli che trattano un materiale pericoloso come l’amianto, che la Città monitorerà attentamente dando l’opportunità anche ai cittadini di seguirlo attraverso costanti aggiornamenti web.
Nel corso del 2015, a cantiere finalmente avviato, inizieremo a discutere del futuro utilizzo dell’area finalmente bonificata con la Circoscrizione e i cittadini. Perché i lavori che presto inizieranno sono solo l’inizio di un processo di restituzione alla Città di una nuova area verde.

L’Assessore
Gianguido Passoni

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano