16.4 C
Torino
giovedì, 28 Maggio 2020

La peggior sconfitta? Non combattere

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Scritto da Gianluigi de Martino

E se un giorno lungo il cammino della vita l’uomo comune si trovasse davanti all’ennesimo muro alto? Ma questa volta molto alto. Il più alto mai incontrato. Dal basso del suo essere umano probabilmente penserebbe che sia impossibile valicarlo. Eppure avrebbe davanti la possibilità di scegliere se provare a superarlo, o tornare indietro.

- Advertisement -

Su un campo di calcio, il solito, quello sotto casa, nel sole del pomeriggio ormai primaverile, due squadre di bambini di 11 anni si stavano giocando la loro partita settimanale. Per loro una delle tante partite. Per gli adulti che li hanno accompagnati probabilmente la finale di Champions League.

- Advertisement -

Una partita spigolosa, a dir la verità, dove alla mediocre qualità tecnica si sopperiva con una buona dose di agonismo.Verso metà del secondo tempo, ad animi scaldati forse dalla temperatura piuttosto elevata per la stagione, l’allenatore della squadra ospite decide di fermare i propri giocatori e, con decisione irrevocabile, ritirare la squadra dal match. Già. La partita si conclude così.

Ora proviamo a pensare a tutte le volte in cui nei nostri cortili le partite finivano in questa maniera. E davvero crediamo si faccia fatica a ricordare epiloghi simili. E il perché risiede esattamente nel luogo comune titolo della riflessione di questa settimana. Non combattere rappresentava per noi la peggior sconfitta. Quest’epoca, ma come probabilmente tutte le epoche, la viviamo di conflitti sociali continui, bombardati da media che ci raccontano una realtà quotidiana difficile, sulla quale aleggia costantemente l’ombra dei soprusi, delle ingiustizie, delle prepotenze.

Ad un futuro incerto si aggiunge un presente da affrontare a gomiti alti. Ogni esperienza, che sia essa sportiva, sociale, scolastica o ricreativa è una vera e propria palestra attraverso la quale forgiare il carattere e delineare il tipo di uomo si sarà nella società del futuro. Ma ritirarsi no, non è un allenamento proficuo. E per di più, decidere di non combattere la propria battaglia è una scelta, decidere di non far combattere a qualcuno la sua battaglia è una responsabilità troppo grande e importante.

Ebbene quella partita non doveva finire così. A quei bambini, tutti, noi adulti abbiamo insegnato due cose: che basta dare qualche calcio negli stinchi per avere la meglio e che davanti ai muri alti non importa quanta strada si sia fatta e quante suole consumate, se quel muro è alto si può tornare indietro e smettere di combattere. E di sognare. È davvero questa la società del domani che vorremmo?

Noi crediamo di no. Noi speriamo di no.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Il Riparti Piemonte è legge

Dopo una tre giorni di Consiglio regionale in videoconferenza, il Riparti Piemonte è legge. Il Ddl 95, infatti, è stato approvato nella...

Coronavirus, 73 i nuovi contagi in Piemonte e 16 i decessi

Altri 500 guariti, 16 morti e 73 nuovi contagiati. E' questo il bilancio odierno dell'unità di crisi della Regione Piemonte sulla diffusione...

‘Ndrangheta in Piemonte, restano in carcere Rosso e Burlò

L'ex assessore regionale del Piemonte Roberto Rosso e l'imprenditore Mario Burlò restano in carcere. Entrambi sono stati rinviati a giudizio pochi giorni...

Paolo Griseri vicedirettore de La Stampa

Sarà Paolo Griseri il nuovo vicedirettore de La Stampa, secondo quanto stabilito dal piano di riorganizzazione del quotidiano. Griseri, attualmente in forza...

A Torino neonata nasce con il cuore fuori dal torace

Una neonata affetta da Ectopia cordis, rara anomalia congenita in cui il cuore si trova fuori dal torace, è stata fatta nascere...