18 C
Torino
domenica, 14 Luglio 2024

Influenza, in Piemonte 300 mila persone colpite nelle ultime settimane

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Sono 300 mila le persone che nelle ultime settimane sono state colpite dall’influenza. Settimane nere le ultime due dicembre e la prima di gennaio, che hanno fatto registrare dati che da dieci anni non venivano raggiunto: 13 malati ogni mille assistiti, una media più alta di quella nazionale pari a 9,11 ogni mille assistiti.

«Il virus – ha affermato l’assessore alla Sanità della Regione Piemonte Antonio Saitta – si è presentato quest’anno in forma più virulenta rispetto agli anni passati. Abbiamo promosso una campagna di vaccinazione antinfluenzale, che è arrivata a coprire oltre 614mila persone, con un dato in crescita rispetto alle 603mila dell’anno scorso. Sono stati vaccinati tutti i soggetti a rischio per patologie e le persone over65 e i bambini sotto i sei mesi, tutti individui che possono sviluppare gravi complicazioni».

«Abbiamo comunque superato il picco, nella prima settimana di gennaio – aggiunge Saitta – e ora è iniziata la discesa della curva. La situazione ha determinato un picco di afflussi nei pronto soccorsi, incrementato anche dal panico sulla meningite. I più colpiti sono stati i bambini fino a 14 anni. Il personale della sanità ha reagito prontamente e il sistema complessivamente ha tenuto. Molti ospedali hanno organizzato spazi dedicati e reparti-polmone per affrontare l’emergenza. In particolare la Città della Salute di Torino ha ricavato 14 posti letto in più, il Mauriziano 15 e il Giovanni Bosco 20. A tutti gli ospedali del Piemonte è stato detto che se quanto hanno fatto non fosse sufficiente, nessun posto deve restare libero all’interno di alcun reparto dell’ospedale».

«Non nascondiamo le difficoltà – ha concluso Saitta – ma ribadisco che c’è stata una tenuta complessiva. Il tutto riporta al tema dell’assistenza territoriale, che è ancora estremamente debole».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano