23.5 C
Torino
sabato, 13 Luglio 2024

Il Toro travolge per 4-1 un Catania spento, Ventura: “Vittoria meritata”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Il Torino torna a vincere, e lo fa rifilando quattro gol al Catania di De Canio, nervoso falloso e quasi mai in partita. Gara dominata in lungo e in largo dai granata, che se nel finale avessero avuto più fortuna (o mira) avrebbe potuto chiudere con la goleada grazie ai numerosi tentativi di Cerci sullo scadere. El Kaddouri, esordiente in serie A, segna il suo primo gol nella massima serie e la trasforma presto in una doppietta. Insomma, giornata di grandi soddisfazioni per i granata, è mancato solo il gol di Cerci.
Ventura si affida al suo consolidato 4-3-3, con El Kaddouri e Cerci a supporto della punta Immobile. Anche De Canio opta per lo stesso modulo, con Castro e Keko ad agire alle spalle di Maxi Lopez. L’inizio del match è tutto granata con la squadra di Ventura a dettare fin da subito il ritmo gara. Bastano infatti dieci minuti a Immobile per segnare la rete dell’1-0, grazie ad un inciampo di Legrottaglie che malamente lascia il pallone tra i piedi dell’attaccante napoletano che non sbaglia. Al 34’ è di nuovo una goffa azione del Catania a servire involontariamente la palla gol a El Kaddouri, che mette a segno senza difficoltà.
Nella ripresa, dopo 5’ minuti Leto, servito ottimamente da Maxi Lopez, riapre la partita e accorcia le distanze dopo aver battuto Padelli con una bella conclusione a giro di sinistro. Ma quest’azione, nata da palla gol granata, fa rivivere brutti ricordi a mister Ventura, che si scalda un po’ troppo e viene fatto allontanare dal quarto uomo. I granata, dopo aver incassato il colpo, tornano a macinare gioco e al 14′ su calcio d’angolo è Moretti a saltare più in alto di tutti e a segnare il terzo gol per il Torino. Il Catania arranca e il Torino cerca il colpo del ko definitivo che arriva due minuti dopo: Immobile defilato a sinistra dalla corta distanza conclude di destro, Andujar è bravo a respingere ma dalle retrovie arriva El Kaddouri che segna il quarto gol granata di giornata e la sua doppietta personale. Il Catania non riesce più a organizzare una controffensiva e il Torino si limita a gestire il controllo del pallone. La partita finisce qui anche se nei minuti di recupero, come detto, è Cerci a mancare l’appuntamento con il gol mandando a lato a tu per tu con Andujar.
«Abbiamo meritato questa vittoria – le parole di Giampiero Ventura – è vero, nel primo gol siamo stati aiutati dallo scivolone di Legrottaglie, ma con Immobile precedentemente eravamo andati vicino al gol. Poi siamo stati bravi nell’interpretazione della partita concedendo pochissimo all’attacco catanese».
«L’inizio gara del Torino ci ha sorpresi e per noi il resto della gara è stato tutto in salita – ha commentato invece De Canio – Il Toro ha poi sfruttato il momento e ha messo la partita sui binari giusti». Poi il mister etneo analizza il momento poco felice vissuto dalla sua squadra: «Noi venivamo dal risultato positivo ottenuto contro l’Udinese che ci aveva tirato su di morale e per questo saremmo dovuti scendere in campo in modo diverso. Purtroppo non è andata così, ma i complimenti vanno anche a Ventura per come ha preparato il match di oggi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano