24 C
Torino
venerdì, 19 Luglio 2024

Il Partito Democratico di Torino al Pride del 15 giugno

Più letti

Nuova Società - sponsor
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

Il Partito Democratico di Torino sfilerà anche quest’anno al Pride di Torino in programma il prossimo 15 giugno e sottoscrive il documento del Coordinamento Torino Pride. Un testo in cui il Coordinamento definisce il Pride come antirazzista, antifascista e di lotta e in cui si avanzano rivendicazioni per i diritti e la tutela della comunità Lgbtqi: “Occorre insistere sul piano istituzionale per ottenere i diritti ancora negati e, al contempo, continuare ad aprirsi a un confronto con la società civile per decostruire, attraverso il dialogo, i pregiudizi che ancora sono diffusi nei confronti delle persone LGBTQI”. Così si legge nel manifesto condiviso, come detto anche dal Partito Democratico: «Nel documento il PD Torino ritrova i valori che spingono la sua comunità ogni giorno a non arrendersi, a scendere nelle piazze, a tenere attivi i circoli. Vede, nelle rivendicazioni contenute nel documento, i punti cardinali della Resistenza che dobbiamo opporre alle politiche di questo tempo».

«Siamo orgogliosi – dichiara il segretario Mimmo Carrettadi aver contribuito, come Partito, ad alcune conquiste, ma siamo consapevoli della strada che ancora deve essere percorsa. Il 15 saremo accanto a chi difende con orgoglio, con il cuore e con la mente l’art 3 della nostra Costituzione. Oggi più che mai è necessario dire a chiare lettere da che parte stiamo».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano