20.4 C
Torino
domenica, 21 Luglio 2024

Gtt, cambia il trasporto pubblico: corse più frequenti per le linee più affollate

Più letti

Nuova Società - sponsor
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

di Giulia Zanotti

Entra nel vivo il piano di riorganizzazione del trasporto pubblico torinese che questa mattina è stato illustrato in Comune dalla sindaca Chiara Appendino, l’ad di Gtt Walter Ceresa e l’assessora ai Trasporti Maria Lapietra.
Infatti, in questi mesi l’introduzione della tessera Bip, con l’obbligatorietà di “bippare” ad ogni utilizzo, ha permesso di valutare il flusso di passeggeri presenti sui mezzi pubblici cittadini e di dare via a un piano che punta nei prossimi mesi a ottimizzare i servizi dove ce ne è più richiesta.
In particolare, le linea di tram e autobus sono state divise in quattro fasce a seconda dell’utilizzo da parte dei cittadini. Al primo gruppo appartengono i mezzi più utilizzati (2,3, 4,10,13,15,16,18,55,56,68) i cui passaggi verranno aumentati a un autobus o tram ogni cinque minuti di attesa. Per le altre fasce invece si andrà da una frequenza di 8-10 minuti negli orari di punta, fino a 12-18 e 20-40 minuti. Altro obiettivo migliorare la velocità dei mezzi pubblici, per quello si lavorerà sulla priorità semaforica e sulle corsie riservate.
Una seconda fase del piano di riorganizzazione sarà nel 2019 e sarà quella più “green”. Infatti, l’obiettivo di Comune e Gtt è un potenziamento dell’intermodalità ferro-gomma e della rete tramviaria cittadina. In particolar modo l’obiettivo è la creazione di una nuova rete di superficie che colleghi i grossi snodi cittadini con le stazioni del servizio ferroviario metropolitano. Oltre a un ulteriore potenziamento dei mezzi elettrici che si stima nel 2021 saranno il 40 per cento dell’offerta di trasporto.

Ecco il piano di riordino dei trasporti: CLICCA QUI

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano