24.9 C
Torino
sabato, 13 Luglio 2024

Fossano, crolla il ponte sulla tangenziale. Schiacciata macchina dei carabinieri

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

È crollato all’improvviso il ponte della tangenziale di Fossano (Cuneo), quello che porta a Marene. Sotto l’enorme peso è rimasta schiacciata un’automobile dei Carabinieri fermi sotto il viadotto per dei controlli. I militari accortesi dei rumori che provenivano dall’alto si sono messi in salvo. Poi il cedimento.
È solo per un caso che non ci siano state vittime. Davide Sordella, il sindaco di Fossano, è accorso sul luogo dell’incidente: «Un crollo gravissimo, solo un miracolo ha evitato la tragedia».
Intanto, dopo i primi rilievi, la Procura di Cuneo ha ipotizzato il reato di crollo colposo di costruzione, per ora contro ignoti. A renderlo noto il procuratore Francesca Nanni per la quale si è trattato di «un fatto gravissimo che poteva essere molto offensivo». L’inchiesta sarà coordinata dal sostituto procuratore Pier Attilio Stea e dovrà stabilire attraverso una perizia la causa del crollo e le eventuali responsabilità, quindi se legata ai progetti, all’esecuzione dei lavoro o ai materiali utilizzati.
Sulla vicenda è intervenuto anche il presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino: «Non è assolutamente accettabile – ha detto – che costruzioni che hanno poco più di 25 anni possano esporre a questi rischi la popolazione». Chiamparino, assieme all’assessore alle Infrastrutture Francesco Balocco , hanno chiesto all’Anas di verificare la sicurezza «di tutte le strutture del Piemonte costruite con caratteristiche simili per fornire una ragionevole certezza che tali episodi non possano verificarsi di nuovo – magari con esiti che potrebbero essere tragici e che questa volta, per mera fortuna, non si sono verificati».

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano