19.4 C
Torino
sabato, 20 Luglio 2024

Fassino tentenna sulla sua ricandidatura. Ha voglia di Roma

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Non ha ancora deciso se nel 2016 sarà lui il candidato a Palazzo di Città. Lui stesso preferisce non sbilanciarsi. «Vedremo, è presto per parlarne, ve lo dirò a tempo debito».  Troppo presto per scoprire le carte? Oppure Piero Fassino si è stancato di fare il sindaco?
I dubbi non sono pochi anche perché da mesi, da quando Renzi è al Governo, il primo cittadino torinese sta stretto nelle vesti di sindaco. Al punto che all’indomani delle elezioni europee si ipotizzava per lui qualche ruolo in commissione. Chi ha pensato che Fassino fosse tornato nella sua città a svernare ha ipotizzato male. Fare il primo cittadino a Torino per iui non è stato un prepensionamento ma, visto come sono andate le cose dopo, una strategia.
Ad esempio quella di non finire triturato dal “rottamatore” toscano ma anzi, creare a Torino un appoggio forte per Renzi. È innegabile che Fassino si senta più a suo agio a Roma, nel cuore del potere piuttosto che in “provincia”. Lui che di ruoli importanti nel Governo ne ha avuti. E forse proprio la sensazione che all’orizzonte ci siano rimpasti vari a far sperare al sindaco torinese in una chiamata. Fantapolitica fino ad un certo punto dunque. Ecco, la capitale sarebbe la miglior cura per “Piero il depresso”. Quindi il suo «Vedremo», potrebbe essere un addio, e c’è chi nel centrosinistra è in agguato in attesa di occupare il suo posto il Sala Rossa.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano