20.9 C
Torino
venerdì, 7 Agosto 2020

Ex Moi, M5s: “Nessuno sgombero”. Si chiama “Processo di liberazione graduale”

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuovasocietà. Caporedattore dal 2017. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano.

di A.D.

Quello che accadrà prossimamente all’ex Moi non bisogna chiamarlo sgombero. Questa in sintesi la parola d’ordine dei pentastellati. Agli scaramantici quella parolina potrebbe obbligare a toccare ferro e legno (e non solo quelli), visto quanto accaduto a Roma per la palazzina di piazza dell’Indipendenza: scontri, manganellate e idranti contro gli occupanti, ovvero profughi richiedenti asilo. E poi chiamarlo sgombero potrebbe infastidire non poco i comitati vari.
Processo di liberazione graduale”, ecco cosa avverrà alle palazzine del Lingotto. «Alla luce del protocollo sottoscritto nei mesi scorsi da Città di Torino, Regione Piemonte, Città Metropolitana, Compagnia di San Paolo, Diocesi e Prefettura, tutti i soggetti coinvolti stanno lavorando con il massimo impegno mettendo a disposizione tutte le risorse disponibili. Il Movimento 5 Stelle è consapevole che il percorso intrapreso sia lungo e difficile a causa del fatto che si è permesso negli scorsi anni che la situazione diventasse ingovernabile. D’altra parte siamo orgogliosi di aver dato il via al processo di liberazione graduale delle palazzine con l’attivazione di percorsi virtuosi di integrazione e inclusione». «A partire dal censimento, c’è stata massima collaborazione da parte degli occupanti nei confronti del Project Manager e dei suoi collaboratori. Siamo fiduciosi del fatto che entro fine anno verranno liberati i garage, ovvero le zone che presentano più problemi legati alla condizioni di vita e di sicurezza».
«Stigmatizziamo – hanno concluso i rappresentanti pentastellati – chi continua da anni a fare inutile e sterile sciacallaggio mediatico su una situazione che il Movimento 5 Stelle, attraverso la sindaca Appendino, ha preso in carico e punta finalmente a risolvere con l’obiettivo di riqualificare l’area e di dare risposte a tutti coloro che si sono sentiti abbandonati dalle istituzioni, sia cittadini che occupanti».
«La Città Metropolitana – ha affermato Barbara Azzará, consigliera M5S Delegata all’Istruzione in Città Metropolitana – sta lavorando in sinergia con tutte istituzioni coinvolte, in particolare per ciò che concerne la formazione, finalizzata all’occupabilità dei migranti».
Una posizione condivisa anche dal presidente della Compagnia di San Paolo Francesco Profumo che spiega come la parola sgombero non sia contemplata nel progetto: «Nessuno sgombero o intervento di forza, ma un patto d’inclusione tra le istituzioni e gli occupanti. C’è bisogno di pazienza, anche sul fronte della comunicazione bisogna stare attenti».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Il pasticcio dei Voucher scuola della Regione Piemonte

Avevano appena ricevuto la mail che confermava l'assegnazione dei voucher scuola per l'anno 2020/21 ma 45 famiglie piemontesi hanno potuto gioire ben...

Torino città Covidless

La città di Torino ha ricevuto oggi l'attestazione Covidless Approach&Trust. Un riconoscimento frutto del progetto di ricerca che ha analizzato le risposte...

Caso Embraco, Cirio: “Da parti in causa serve risposta chiara”

"Seguo la vicenda Embraco ormai da due anni ed è inammissibile che solo oggi, per la prima volta, si siano trovati seduti...

Viviana Ferrero contro le telecamere di Appendino: “Riappropriamoci di luoghi della città”

Ieri era stata Maura Paoli a dare il via alle polemiche interne alla maggioranza Cinque Stelle sulla vicenda dell'istallazione di 300 nuove...

Telecamere a Torino, Maura Paoli attacca la sua sindaca: “Politica acchiappa like”

Sembrava regnare la pace e la concordia in casa Cinque Stelle dove la maggioranza risicata della sindaca si era ricompattata dopo liti,...