19.2 C
Torino
domenica, 21 Luglio 2024

Emergenza abitativa, il M5S approva una delibera

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

di Bernardo Basilici Menini

Il problema degli alloggia a Torino continua a rappresentare una criticità e così ieri il partito di maggioranza nel Consiglio comunale ha deciso per l’approvazione di una delibera relativa relativa all’acquisto degli alloggi sul libero mercato. Secondo i consiglieri pentestellati questa è l’unica soluzione per rispondere ai problemi di emergenza abitativa.

Il provvedimento si basa sulla fotografia che vede a Torino 18mila alloggi di edilizia sociale, di cui un terzo appartenenti al Comune, oltre undicimila all’Agenzia territoriale per la casa e la parte restante ad altri enti. Di tutti questi, negli ultimi anni, circa un migliaio è rimasto inabitato e senza un contratto di locazione. Parte importante del problema sarebbe, secondo i consiglieri di maggioranza, la mancanza di «interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria: questi alloggi sono circa 200. Gli interventi per il ripristino di questi alloggi sono sempre stati rimandati, lasciando cosi gli alloggi inagibili, vuoti», come sottolinea Deborah Montalbano, annunciano come i lavori di recupero e mantenimento saranno tra le prime preoccupazioni dell’amministrazione comunale.

«Il fabbisogno stimato per gli alloggi della città di Torino, localizzati sul territorio cittadino, è di circa 42 milioni di euro mentre il fabbisogno manutentivo degli interventi è di 8 milioni di euro», dicono dal Comune. A partire da questo, sempre Montalbano sottolinea come «se le risorse destinate all’acquisto sul mercato di alloggi privati vengono dimezzate a 3 milioni di euro si potrebbero comprare 20 unità abitative e cosi facendo rimarrebbero risorse sufficienti per finanziare tutti gli interventi necessari di ripristino degli alloggi vuoti circa 50 alloggi. In totale si avrebbero 70 alloggi da destinare alle esigenze abitative».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano