15.5 C
Torino
domenica, 14 Luglio 2024

De Tomaso, con le offerte arriva la proroga della cassa per 4 mesi

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

di Paolo Bogliano
La tanto sospirata firma del ministero del lavoro è arrivata: la cassa integrazione straordinaria in deroga al De Tomaso sarà prorogata per 4 mesi. Un accordo che arriva da Roma è una boccata d’ossigeno per i mille lavoratori di Livorno e Grugliasco, in attesa che qualcuno si faccia avanti per rilevare l’azienda. E l’interesse della Lotus aggiunta ad altre di pretendenti il cui interesse si è palesato a luglio ha premesso la proroga chiesta dal curatore fallimentare. «Un risultato importante che tutti auspicavamo, con la consapevolezza che quello firmato oggi è l’ultimo decreto di autorizzazione alla proroga della cassa in deroga per i lavoratori dell’azienda» dice l’assessore al lavoro della Regione Piemonte Gianna Pentenero. È proprio sua la firma sotto l’accordo dopo quella del ministro «siamo speranzosi – aggiunge – che gli elementi di novità emersi, ovvero le manifestazioni di interesse all’acquisizioni pervenute da una parte di sedi di aziende. Nel frattempo i lavoratori che si avvalgono della cassa in deroga sono chiamati dalla Provincia di Torino a partecipare alle attività di formazione e ricollocazione lavorativa finanziate dalla Regione Piemonte e dal Feg, il Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione. La partecipazione a tali attività – conclude – è condizione necessaria per non perdere il diritto a beneficiare della cassa».
«Il dato positivo – sottolinea Vittorio De Martino, segretario della Fiom piemontese – è che siamo di fronte a un provvedimento che tutela per altri quattro mesi il salario dei lavoratori. Siamo però all’ultima proroga possibile della cassa ed è chiarissimo che la risoluzione del problema passerà attraverso la definizione di un nuovo piano industriale per la ricollocazione dei lavoratori: Governo, Ministeri e Regioni devono assolutamente mettere nella condizione gli eventuali investitori di costruire un piano che risolva il problema occupazionale». «La situazione della De Tomaso – conclude – è emblematica delle difficoltà del Piemonte: senza investimenti si rischia un futuro di disoccupazione per migliaia di lavoratori ed e’ necessario progettare un processo di reindustrializzazione perchè Torino e il Piemonte non si possono affidare unicamente agli impegni, per altro ancora imprecisati, annunciati della Fiat».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano