25.3 C
Torino
domenica, 26 Giugno 2022

Covid-19 la Croce Reale di Venaria denuncia: “Pochi camici e non adatti”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

Non si placano le polemiche sulle scarse forniture di materiale al personale sanitario e paramedico coinvolto nell’emergenza Coronavirus. Dopo i camici e le mascherine non adatte e in numero non sufficienti degli ospedali torinesi, questa volta è il turno della Croce Reale di Venaria.

Infatti, al personale per il primo soccorso sono stati consegnati nuovi camici usa e getta per nulla adatti a gestire l’emergenza. Lo denuncia Walter Candela, nome noto della Croce Reale di Venaria.

Con una foto postata su Facebook Candela mostra i nuovi camici arrivati, molto sottili e solo parzialmente protettivi. Come spiega nel suo post: “Da quando è iniziato il periodo del COVID19, oggi l’unità di crisi Regione Piemonte ci ha finalmente consegnato i camici protettivi, quelli che vedete in foto, vorremmo sapere di cosa ce ne facciamo e quanto ci possono proteggere nell’espletamento di servizi 118 con persone contaminate”, chiede Candela. Che precisa anche che ad oggi di questi camici ne sono stati consegnati solo 11. Insomma, tanti quanti servono per gestire solo un paio di emergenze prima di rimanere senza.

Negli scorsi giorni Candela aveva denunciato altre mancanze nella dotazione del suo personale: “Non ci viene dato niente da parte dell’unità di Crisi della Regione Piemonte, nè dispositivi individuali di protezione (DPI), nè mascherine FFP2 – FFP3 con filtro, non chiediamo offerte come tanti, operiamo in prima linea prima di qualsiasi Triage ospedaliero, chiediamo solo rispetto da parte delle Istituzioni e dalle persone che non dichiarano i sintomi di una loro eventuale positività, stiamo facendo l’impossibile per garantire ancora i servizi urgenti 118″.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano