20.7 C
Torino
sabato, 19 Settembre 2020

Cos’è il codice LEI e perché è necessario

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...

DEFINIZIONE DI CODICE LEI

Il codice identificativo di entitá giuridica, meglio conosciuto come codice LEI, è un codice di 20 caratteri composto da numeri e lettere. Tale codice permette di identificare in modo univoco ogni singola entitá giuridica, indipendentemente dal luogo in cui si trovi la sede della stessa, che desideri prendere parte in operazioni finanziarie appartenenti a mercati e sistemi giuridici di tutto il mondo. Lo scopo del codice é anche quello di misurare e valutare il rischio di una transazione.

- Advertisement -

PER CHI E’ NECESSARIO

- Advertisement -

Il codice è dunque necessario per ciascun soggetto giuridico in possesso di un conto titoli presso intermediari finanziari. In particolare, il codice LEI é obbligatorio per tutte le societá che partecipano al trading, quali banche ed istituzioni finanziarie, fondi di investimento, compagnie assicurative e provider di servizio titoli.
Per molte societá il codice LEI non è una forma volontaria di identificazione, ma é richiesta da regolamenti locali, nazionali o internazionali.
Individui e divisioni operative invece devono sempre utilizzare il LEI della loro organizzazione madre.

COME VIENE GENERATO E A COSA SERVE

Il codice LEI viene generato secondo lo standard ISO 17442, sviluppato dall’ International Organisation for Standardisation, ovvero l’organizzazione internazionale per la Normazione (ISO).
Il codice é infatti un modo per standardizzare le operazioni finanziarie, valutarne i rischi, renderle piú trasparenti e prevenire le frodi, basti pensare che all’interno dei 20 caratteri del codice sono contenute una serie di informazioni sensibili relative all’entitá giuridica: i primi quattro caratteri identificano la LOU (o ente locale) che ha emesso il LEI, il quinto e il sesto sono sempre pari a 0, i successivi 12 caratteri sono cifre e lettere e vengono definiti identificatori di entitá. E’ fondamentale comprendere che la combinazione è unica per ciascuna entità legale. Gli ultimi due caratteri sono invece cifre di controllo. Le informazioni contenute nel codice inoltre includono il nome ufficiale dell’entità legale o del manager del fondo, il nome dell’entità e numero REA, la forma giuridica dell’azienda, l’ufficio registrato del quartier generale o del manager del fondo, il codice ISO del paese, la data di prima emissione del LEI, la data di ultima modifica delle informazioni salvate ed infine la data di scadenza del prossimo rinnovo del LEI.

E’ OBBLIGATORIO?

Suddetto codice non è piú facoltativo, bensí obbligatorio in numerosi paesi del mondo per tutte le societá che partecipano al trading, quali banche ed istituzioni finanziarie, fondi di investimento, compagnie assicurative e provider di servizio titoli. In Italia il codice LEI é obbligatorio a partire dal 3 gennaio 2018 come stabilito dalla legge. Il codice LEI é quindi ormai obbligatorio per tutte le entitá di trading a partire da questa data, il 3 gennaio 2018, data in cui la normativa europea (MiFID II- Markets in Financial Instruments Directive) non ché la sua normativa associata (MiFIR) sono entrate in vigore. I fornitori dei servizi bancari o di investimento devono assicurarsi che i trader dispongano di un codice LEI vigente se desiderano partecipare alla compravendita di titoli. Sebbene non sia obbligatorio disporre di LEI solo per mantenere i titoli, é fortemente consigliato mantenerne uno, in quanto un LEI scaduto o non valido potrebbero rappresentare un ostacolo nel momento in cui si decidesse di vendere i titoli.
Unione Europea e Stati Uniti sono stati i primi ad utilizzare il codice LEI ed il sistema GLEIS (sistema globale LEI), addirittura erano stati emessi dei codici pre-LEI (che avevano tutte le caratteristiche dell’odierno codice LEI) come misura provvisoria prima ancora che il sistema GLEIS venisse utilizzato come standard.

COME OTTENERLO

Per ottenere il codice LEI é necessario rivolgersi a una LOU (Local Operating Unit) ovvero un ente locale che é autorizzato al rilascio del codice, che va periodicamente rinnovato.
I costi per ottenere il codice sono ridotti, ed é molto semplice ottenerlo senza grattacapi né complicazioni affidandosi ad un intermediario, compilando un apposito formulario e fornendo la relativa documentazione di supporto quale ad esempio la copia firmata del documento di identitá del rappresentate legale dell’ente giuridico in questione. Di solito i codice LEI puó essere acquistato per 1, 3 o 5 anni fornendo chiaramente condizioni piú vantaggiose a chi dovesse decidere di acquistare direttamente il codice per cinque anni, evitando cosí di doverlo rinnovare continuamente e ricordarsi della data di scadenza.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Febbre a scuola, il Tar respinge il ricorso del Ministero contro l’ordinanza di Cirio

Il Tar del Piemonte non ha accolto la richiesta del Governo di una sospensiva d’urgenza in via monocratica per l’ordinanza della Regione...

No Tav, Dana Lauriola è stata arrestata. Tensione tra attivisti e polizia a Bussoleno

E' avvenuto questa mattina all'alba l'arresto di Dana Lauriola, storica attivista No Tav e militante del centro sociale Askatasuna, condannata a due...

RU 486, Appendino contro la Regione: “Becera propaganda sul corpo delle donne”

La sindaca di Torino Chiara Appendino interviene in merito alla proposta della giunta regionale del Piemonte di abolire la somministrazione della pillola...

Febbre a scuola, Cirio non cambia idea: “Ordinanza fatta con buon senso”

Non cambia idea Alberto Cirio sull'ordinanza che impone la misurazione della febbre a scuola e che il ministro dell'Istruzione Lucia Azzolina ha...

Gtt, ecco come chiedere il rimborso per gli abbonamenti non usati durante il Covid

Gtt rimborserà gli abbonamenti non utilizzati duranti il lockdown attraverso l’emissione di un voucher che permetterà l’acquisto di nuovi titoli di viaggio....