25.2 C
Torino
martedì, 23 Luglio 2024

Coronavirus mette in ginocchio Gtt: cassa integrazione

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Il Gruppo Torinese Trasporti non regge all’emergenza Coronavirus: un danno economico troppo alto e arriva la cassa integrazione per i dipendenti.

Questa decisione, storica visto che è la prima volta che questo avviene nella storia di GTT, è stata presa per fare fronte ad una perdita quantificata in 9 milioni al mese. Lo ha annunciato l’amministratore delegato Gtt, Giovanni Foti“L’unica operazione che oggi possiamo fare e stiamo adottando, con grande dispiacere, è questa. Stiamo garantendo il servizio, con sanificazione e disinfezione costante dei mezzi. Dobbiamo ringraziare il personale che continua a essere in prima linea in questo momento complicato”.

La cassa verrà attivata dal 30 marzo e avrà una durata di 9 settimane. “La nostra preoccupazione- prosegue Foti- e’ che ci venga riconosciuta anche la produzione del servizio delle ore non fatte per causa di forza maggiore“. Secondo Gtt il crollo dell’utenza e’ superiore al 90%.

“La metropolitana conta in media 155mila passaggi di solito. Oggi il numero è sceso a 10mila. Per questa ragione, le corse della metropolitana verranno ulteriormente ridotte”.  I sindacati sono stati informati questa mattina.

Il consigliere comunale di Azione ed ex assessore ai Trasporti Claudio Lubatti chiede un intervento dell’amministrazione Appendino:  “La Città si impegni ad integrare la diminuzione del salario conseguente all’attivazione del Fondo Bilaterale di Solidarietà”.

“Una decisione storica per Gtt – dice Lubatti -, cassa integrazione a rotazione per tutti i dipendenti, a zero ore, per il massimo periodo possibile, cioè 9 settimane. I dipendenti di Gtt erogano un servizio essenziale affinché nel paese i cittadini non perdano completamente il diritto alla mobilità, ove permessa ovviamente”.

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano