25 C
Torino
sabato, 20 Luglio 2024

Coronavirus, il Piemonte riapre i confini

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Il Piemonte riapre i confini. Scendono i contagi da Coronavirus e i decessi. Solo 21 nella giornata di oggi, mentre le vittime sono nove, di cui uno solo nella giornata. “I dati sono molto buoni, il trend dei contagi continua a scendere e la pagella del ministero ci promuove a pieni voti”, spiega il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio, che parla di un territorio in salute descrive un Piemonte “in salute”.

Seppur con cautela una delle Regioni più colpite dal Covid apre mercoledì 3 giugno i suoi confini.
Aggiunge Cirio: “La Festa della Repubblica quest’anno ha un duplice significato. Festeggiamo i valori della democrazia e della libertà, compressa negli ultimi mesi a causa dell’emergenza sanitaria. Volevamo fare questa video conferenza stampa sabato, abbiamo aspettato oggi per avere i dati aggiornati”, dice parlando in videoconferenza, con sul volto la mascherina tricolore. Dietro ogni numero sottolinea Cirio c’è un “grande lavoro svolto” Numeri che raccontano di un “continuo trend discendente del virus”.

Reso possibile per “un cambio di approccio radicale – aggiunge l’assessore alla Sanità, Luigi Icardi -: nelle ultime settimane abbiamo intensificato l’attività di contact tracing, cioè la capacità di identificare precocemente i nuovi casi sospetti, di isolarli e sottoporli a tampone grazie al lavoro di monitoraggio dei medici di famiglia”.

E stop all’obbligo di mascherina da dopo il 2 giugno. “La regola specifica adottata in Piemonte per questo lungo ponte del 2 giugno – evidenzia Cirio – è stata una scelta giusta. I controlli sono stati svolti in maniera intelligente e ci sono state, finora, poche contravvenzioni. Con la riapertura del 3 torniamo alle norme previste dal Dpcm, pronti però a nuovi interventi se si verificassero delle storture”.

Il Piemonte non apre solo i confini: domani è la giornata dei musei, ma anche delle spiagge sui laghi: “Non abbiamo il mare, ma i monitoraggi delle acque – conclude l’assessore Matteo Marnati – ci dicono che la qualità dei nostri laghi è eccellente”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano