20.5 C
Torino
giovedì, 18 Luglio 2024

Coronavirus, i rider di Torino: “Basta consegne a domicilio”. Lettera a Conte

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

I rider di Torino hanno chiesto, in una lettera, la sospensione delle consegne di cibo a domicilio. Una missiva che è stata inviata oltre che al premier anche alla ministra del Lavoro Nunzia Catalfo ed è firmato, oltre che dai rider anche da nche di Cub Piemonte, Si Cobas Torino, Usb Piemonte, Potere al Popolo, Partito Rifondazione Comunista – Sinistra Europea, Federazione Torino, SI-Studenti Indipendenti.

La richiesta: “Chiediamo un decreto urgente per fermare subito le consegne del cibo a domicilio”.

Si legge nella lettera: “Le misure straordinarie prese dal Consiglio dei Ministri della Repubblica indirizzate al contenimento della diffusione del COVID-19 su tutto il territorio italiano includono la chiusura delle attività non essenziali. Nonostante ciò, a quanto pare non si è ritenuto opportuno fermare l’attività dei fattorini di pasti a domicilio, i così detti ‘rider’. Questi lavoratori sono particolarmente esposti al contagio e possono diventare vettori nella diffusione del virus, dato che ogni giorno passano da tanti negozi e dalle case di tanti consumatori senza che ci sia alcun controllo che garantisca le misure minime di sicurezza, e sono costretti a farlo senza i DPI per l’emergenza, perché le aziende per cui lavorano non li forniscono”.

“I rider – continua la lettera – sono privi di tutele reddituali: scontano la paradossale situazione di non avere accesso né alle tutele che spettano i lavoratori subordinati (anche se di fatto lo sono), né alle misure di sostegno recentemente approvate per gli autonomi. Questo perché sono impiegati con contratti di prestazione occasionale e partite iva fasulli, anche se la maggior parte di loro lavora di forma continuativa per un solo committente e questa attività costituisce la loro principale fonte di reddito: tanti lavorano più di 50 ore settimanali senza nemmeno un giorno di riposo costretti dalle loro paghe da miseria”.

“Nel decreto approvato dal governo che sospende le attività non essenziali c’è scritto che ‘è sempre consentita l’attività di produzione, trasporto, commercializzazione e consegna di farmaci, tecnologia sanitaria e dispositivi medico-chirurgici nonché di prodotti agricoli e alimentari’ (lettera F del DPCM 194). Sotto questo ombrello vengono assimilate in quanto essenziali l’attività di rifornimento all’ingrosso dei prodotti alimentari e quella di consegna di pizze, hamburger, sushi e gelati a domicilio. Questa cinica scelta implica disinteressarsi ancora una volta della salute di questi lavoratori, considerati in realtà sacrificabili. Ma non solo: così viene trascurata anche la salute delle loro famiglie e coabitanti, dei clienti ai quali portano i pasti e infine della società nel suo insieme”.

“Quanti lavoratori – aggiungono i rider – è disposto a sacrificare questo governo per garantire una pizza a settimana a chi ancora se la può permettere, ma soprattutto per assicurare guadagni a quattro multinazionali? Verrà data priorità ai profitti di queste aziende, o invece si preferirà tutelare la vita delle persone?”.

“Si fermino nel minor tempo possibile con un decreto legislativo tutte le attività di consegna di pasti pronti a domicilio. E i rider vengano inclusi nelle misure di supporto al reddito già previste per la maggior parte dei lavoratori autonomi”, concludono i rider.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano