25 C
Torino
domenica, 26 Giugno 2022

Coronavirus, a casa un altro migliaio di dipendenti comunali

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

La sindaca di Torino Chiara Appendino domani, giovedì 19 marzo,  firmerà l’ordinanza in cui,  garantendo i servizi essenziali (in particolare le attività dedicate ai più fragili e per le esigenze e i fabbisogni non differibili), lascerà a casa, per l’emergenza Coronavirus, un altro migliaio di dipendenti comunali.

Lavoratori che andranno ad aggiungersi ai 3 mila 589 già in smart working, congedo, ferie o permesso «portando così al 60-65% la quota del personale della Città di Torino non fisicamente presente negli uffici», spiega Appendino.

«Abbiamo rivisto le impostazione su alcuni servizi – ha aggiunto la sindaca – alla luce del decreto “Cura Italia”  e che punta a ridurre gli spostamenti in città incentivando le prestazioni a distanza».

Rimangono garantiti i servizi essenziali, come i servizi sociali e l’anagrafe, altri saranno sospesi.

Alcuni servizi invece subiranno variazioni e altri ancora si svolgeranno in modalità “virtuale”, esclusivamente online. Ad esempio Soris che a partire da oggi fino al 31 maggio sarà chiuso e le spedizioni di documenti da parte di Soris (le multe, pignoramenti etc.), sono sospese.

«L’obiettivo – continua la sindaca – è incrementare il lavoro agile. Grazie a questo nuovo provvedimento, ci saranno altre mille persone, tra cui 600 agenti della polizia municipale, che non dovranno lavorare fisicamente negli uffici comunali».

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano