16.1 C
Torino
sabato, 20 Agosto 2022

Consiglio regionale: approvato il bilancio di previsione

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Con 37 voti favorevoli e 2 non votanti il Consiglio regionale ha approvato il suo Bilancio di previsione finanziario 2022–2024. Come ha ricordato il presidente dell’Assemblea, si conferma il trend di spesa complessiva degli ultimi anni, drasticamente ridotto rispetto al decennio precedente. Quanto stanziato per gli investimenti, infatti, è ottenuto con l’utilizzo di avanzi di amministrazione e risparmi nelle spese correnti.

La principale voce di entrata iscritta a bilancio è quella prevista per le spese di funzionamento del Consiglio regionale, che per l’annualità 2022, ammontano a circa 49,7 milioni, con un incremento di 930.000 euro per l’adeguamento in previsione dei nuovi contratti di lavoro e per alcuni accantonamenti. In generale, l’importo complessivo per titoli al netto delle partite di giro, avanzo e Fvp entrata, per il 2022 è di 50,1 milioni (era 66,6 milioni nel 2012 e 49,2 nel 2021).

Il Bilancio del Consiglio è in linea con quello delle Regioni più virtuose d’Italia e, a differenza di alcune, comprende tutti i costi del personale e dei servizi che in altri casi sono invece a carico del Bilancio della Giunta. Nel 2021 a fronte di 12 pensionamenti, sono stati assunti 6 nuovi dipendenti. Nel 2022 i pensionamenti saranno in tutto 17, 9 nel 2023 e 15 nel 2024.

6,8 milioni saranno destinati ad altre voci di investimento tra cui i lavori di ammodernamento dell’immobile di via Arsenale, di Palazzo Lascaris, dell’ex Banco Di Sicilia, della Palazzina Tournon (in piazza Solferino) e per il Piano Di Sviluppo 2021-2023 Servizi Informativi/Csi. In generale le spese di investimento previste per il 2022 sono di circa 13,7 milioni.

Tra i costi sostenuti l’Assemblea legislativa, quelli derivanti dagli adeguamenti strutturali alle norme di tutela dal Covid della sede e dall’acquisto di Dpi, che ha rappresentato per il Consiglio regionale una spesa superiore a 60 mila euro (nel biennio). A questo proposito il capogruppo Luv ha dichiarato il suo apprezzamento per la gestione della pandemia da parte del Consiglio, che anche con le sedute da remoto e il telelavoro, non ha mai perso la sua operatività. Dal gruppo Pd è stato sottolineato che il Consiglio del Piemonte è l’assemblea regionale italiana che spende meno per i consiglieri.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano