18.7 C
Torino
sabato, 13 Agosto 2022

Il Comune paga Ream, Amteco non paga il Comune

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Tanto tuonò che piovve. Il Comune ha pagato la caparra a Ream, quei cinque milioni da restituire – e mai restituiti fino ai primi giorni di gennaio – che hanno generato un caso che ha visto impegnati i consiglieri, i revisori e la magistratura in una guerra senza esclusione di colpi durata tutto il 2017.
Un caso, quello “Ream Westinghouse”, che è costato alla sindaca di Torino Chiara Appendino, all’assessore al bilancio Sergio Rolando e all’ex-capo di gabinetto Paolo Giordana un avviso di garanzia per falso ideologico.
Da un punto di vista contabile la partita è chiusa: i soldi che secondo la magistratura dovevano essere restituiti a fine 2016 e secondo i revisori era necessario restituire almeno entro il 2017, sono finalmente arrivati al primo proprietario dell’area.
Da un punto di vista giudiziario, invece, l’inchiesta prosegue. L’ipotesi di falso ideologico infatti si basa non tanto sui tempi di restituzione, ma piuttosto sulle azioni che i tre indagati avrebbero compiuto per celare alcune informazioni ai membri del consiglio comunale e della giunta.
Ma c’è un’altra nube che si addensa attorno alla sciagurata vicenda Ex-Westinghouse e questa volta il Comune non c’entra.
Amteco Maiora, la società collegata ad Esselunga, che si è aggiudicata l’area in via definitiva, tarda a versare il saldo dovuto. Solo parte dei 19,7 milioni, infatti, sarebbero arrivati nelle casse della Città. Se in un primo tempo la motivazione addotta per spiegare il ritardo era relativa alla persistenza di un ricorso al Tar, oggi pare che la motivazione sia diversa.
Esselunga, infatti, si è aggiudicata un nuovo lotto per la costruzione di un nuovo supermercato in corso Bramante. Un lotto molto ampio che sorge negli ex stabilimenti Fiat che probabilmente basta a saziare gli appetiti del colosso della grande distribuzione e che, in presenza di un mercato saturato dalle tante nuove autorizzazioni della giunta Appendino, potrebbe sconsigliare Esselunga di procedere anche nell’area Ex-Westinghouse.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano