16 C
Torino
martedì, 22 Settembre 2020

“Cialtroni ignoranti” Lega e Cinque Stelle s'insultano in Regione

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Non male tra alleati di governo. Mentre in Sala Rossa, a quanto pare grazie ad un intervento preventivo e calmieratore di Matteo Salvini, si è viaggiato con il freno a mano tirato, a Palazzo Lascaris volano gli stracci tra Lega e Cinque Stelle.
Parole di un certo tenore che hanno visto come protagonista la capogruppo del Carroccio Gianna Gancia, che ha nessuna intenzione di indossare i panni dell’amicona con i grillini che siedono in aula in Regione Piemonte.
Durante il suo intervento, infatti, è stata continuamente disturbata dai brusii provenienti dai banchi dei consiglieri pentastellati. Al punto tale che Gancia si è rivolta direttamente a loro: «Mi preoccupo che paghiamo le tasse a cialtroni ignoranti che non hanno mai lavorato un giorno in vita loro».
Davide Bono ha replicato urlando «non accetto più questi insulti» e ha lasciato l’aula.
«La scelta è tra realizzare la Tav o mantenere così come sono i collegamenti ferroviari con la Francia. Alternative, oggi, non ve ne sono. Non vi è sicuramente la possibilità di migliorare la ferrovia attuale e la ragione è molto semplice: il traforo utilizzato sarebbe sempre quello del Frejus, pendenze e percorsi non varierebbero, quindi non vedo come  si potrebbero ottenere risultati diversi da quelli odierni. Oltretutto, questi ipotetici lavori di potenziamento delle linee esistenti comporterebbero, ironia della sorte, la distruzione di gran parte del paesaggio circostante, molto più di quanto prevedano oggi i progetti dell’alta velocità», dice Gancia.
Quella tra Gancia e i grillini non è stata l’unica bagarre in consiglio regionale oggi. Animi roventi, che sono diventati incandescenti durante la discussione dopo le comunicazioni sul Tav di Sergio Chiamparino.
Il capogruppo del Pd Domenico Ravetti ha accusato la Lega di aver abbandonato il Piemonte, mentre il consigliere leghista Benito Sinatora ha replicato: “Non ci facciamo insultare siamo sempre stati a favore della Tav”.
Poi si sono scontrati il consigliere dei Dem Luca Cassiani che ha contestato l’intervento della pentastellata Francesca Frediani. Per Cassiani la collega avrebbe detto solo “cavolate” (la parola usata è stata più forte). Cassiani è stato poi espulso dall’aula per aver dato dei “pagliacci” ai consiglieri M5s.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Caso Ream, Appendino: “Ho agito in buona fede. Resto sindaca ma mi autosospendo da M5s”

Dopo la sentenza di primo grado che la condanna a sei mesi per il reato di falso in atto pubblico relativo al...

I Cinque Stelle dalla parte di Appendino: “Continuiamo a sostenerla”

Se la maggioranza pentastellata ha vissuto momenti di crisi e ha dubitato della propria sindaca non è di certo oggi. Anzi la...

Ream, Lo Russo e Carretta: “Giudizio politico negativo non cambia, serve guardare a futuro”

Il Partito Democratico commenta la sentenza del processo Ream che condanna Chiara Appendino a sei mesi per falso in atto pubblico. Commenti...

Processo Ream, Appendino condannata per falso in atto pubblico

La sindaca Chiara Appendino è stata condannata per falso in atto pubblico relativo al bilancio 2016 nell'ambito dell'inchiesta che la vedeva imputata...

Ream, la sentenza per Appendino alle 15 ad urne chiuse

La sentenza del processo Ream che vede tra gli imputati Chiara Appendino, il suo ex capo di gabinetto, Paolo Giordana, e l’assessore...