20.6 C
Torino
martedì, 23 Luglio 2024

Caso Ream, consiglieri M5s: “Abbiamo agito per il bene della città”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

di Giulia Zanotti

Si definiscono sereni e consapevoli di aver agito nel bene della città i consiglieri comunale del Movimento Cinque Stelle dopo la notizia dei tre avvisi di garanzia notificati alla sindaca Chiara Appendino, al suo capo di Gabinetto Paolo Giordana e all’assessore al Bilancio Sergio Rolando per il caso della caparra non restituita a Ream.

«Questa mattina abbiamo appreso dalla nostra Sindaca dell’avviso di garanzia ricevuto da lei, dall’Assessore Rolando e dal Capo di Gabinetto. Come loro, anche noi, siamo molto sereni e consapevoli che abbiamo agito nell’interesse della Città e dei torinesi».

«Auspichiamo  – proseguono i consiglieri – che la Sindaca venga ascoltata il prima possibile, come da sua richiesta, perché non abbiamo nulla da nascondere. Anche in questa occasione ci troveranno uniti e compatti a fianco della nostra Sindaca alla quale, anche pubblicamente, rinnoviamo la nostra fiducia».

Più duro il commento del senatore Alberto Airola: «I debiti di milioni di euro li ha fatti l’amministrazione di Piero Fassino e poi il Pd senza vergogna fa esposti e vuol far “pagare i conti” a Chiara l’Appendino» ha dichiarato lapidario.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano