25.7 C
Torino
lunedì, 15 Luglio 2024

Caso Ream ai tempi supplementari. Per ora nessuna richiesta di rinvio a giudizio per Appendino

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Mentre per i drammatici fatti di Piazza San Carlo del 3 giugno la richiesta di rinvio a giudizio per la sindaca di Torino Chiara Appendino è già arrivata, per il caso Ream bisognerà aspettare.
Per sindaca e per gli altri 13 indagati, accusati dal pubblico ministero Antonio Rinaudo di omicidio colposo (per le gravi lesioni,riportate la sera della finale di Champions League Real Madrid-Juventus, morì, alcuni giorni dopo, Erika Pioletti), lesioni aggravate (per le oltre 1500 persone rimaste ferite) e disastro colposo, il gup ha già fissato l’udienza preliminare ad ottobre, mentre invece per Ream si va ai tempi supplementari.
A quanto pare nei prossimi giorni Appendino, Paolo Giordana, l’assessore Sergio Rolando e il direttore finanziario Paolo Lubbia non riceveranno la richiesta di rinvio a giudizio, come era ipotizzabile, visto che il 5 giugno c’era stata la chiusura di indagini senza richiesta di archiviazione da parte dei pm Marco Gianoglio ed Enrica Gabetta.
Gli avvocati della sindaca hanno chiesto e ottenuto una proroga ai venti giorni di tempo – previsti dopo la chiusura indagini – che avevano per consegnare una memoria difensiva. Luigi Chiappero e Luigi Giuliano hanno richiesto che Appendino fosse nuovamente interrogata a settembre per risponde delle accuse di abuso d’ufficio e falso ideologico in atto pubblico.
E così sarà. Ad essere ascoltati, oltre la sindaca, anche Giordana e Lubbia, mentre l’assessore Rolando, difeso dall’avvocato Fabio De Matteis, non ne avrebbe fatta richiesta.
I legali della sindaca stanno continuando a lavorare sul fascicolo contenente le intercettazioni e tutta la documentazione che riguarda la mancata iscrizione del debito di cinque milioni, la caparra per l’acquisizione dell’ex area Westinghouse, nel bilancio 2017 del Comune.
Ma non è detto che questa domanda di proroga sia in realtà una tattica per rinviare a dopo le ferie la richiesta di rinvio, che altrimenti sarebbe arrivata ora, a poco tempo da quella sui fatti di Piazza San Carlo.
Invece per il momento non si hanno più notizie del fascicolo aperto e delle indagini che riguardano le misure anti-smog adottate dal Comune di Torino, inchiesta coordinata dai pm Gianfranco Colace e Cristina Bianconi.
 
foto di Alessandro Contaldo

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano