21.6 C
Torino
sabato, 13 Luglio 2024

Caso Anagrafe di Torino, la ricetta di Rolando

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

L’amministrazione Appendino si è attivata per risolvere il caos anagrafi che sta portando a non pochi disagi tra i torinesi. In consiglio comunale, l’assessore ai Servizi Demografici e Statistici ha spiegato che presso l’anagrafe centrale  saranno incrementate le postazioni e inoltre sono in corso interventi di manutenzione sugli elettroarchivi dei microfilm.

Su tutti gli sportelli è stata effettuata una perizia, soprattutto dopo che un vetro è andato in frantumi. Rolando ha ricordato le due ispezioni dello Spresal, anticipando che ce ne saranno altre.

Ha spiegato l’assessore: «Sono stati ordinati 65 nuovi archivi compatibili manuali e sono in corso interventi manutentivi sugli elettroarchivi dei microfilm».

«Dopo la seconda ispezione è stata fatta una perizia su tutti gli sportelli e l’impresa ha deciso di elevare il livello di sicurezza con interventi che saranno effettuati entro l’11 o 12 ottobre», ha concluso Rolando.

Polemico il capogruppo del Partito Democratico Stefano Lo Russo: «Sono state rincorse ipotesi di finta digitalizzazione e intanto non riuscite neanche a dare i numerini per le code». Fabrizio Ricca, capogruppo della Lega ha chiesto che si arrivi a delle soluzioni urgenti, mentre Deborah Montalbano di DemA ha ricordato che questa mattina l’anagrafe centrale non ha aperto in orario e  «i lavoratori sono stati lasciati soli. La situazione non viene gestita ed è fuori controllo».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano