15.1 C
Torino
martedì, 28 Giugno 2022

Caro energia, benzinai verso interruzione servizio notturno

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

“Bollette in aumento, incassi fermi, clientela in calo: è la tempesta perfetta che stanno vivendo i benzinai da quando il prezzo dell’energia è salito alle stelle”. A lanciare l’allarme è la Faib-Confesercenti, la federazione dei gestori. L’aumento medio delle bollette è del 135%: in un anno sarebbero 10.000 euro in più per ciascun un impianto. I benzinai minacciano la chiusura notturna dei self service.
“Il rialzo generalizzato dei costi energetici ha influito anche sui prezzo dei carburanti, ma per noi c’è un puro e semplice aumento dei costi. Il nostro margine, infatti, è fisso:
sono circa 3 centesimi e mezzo al litro, qualunque sia il costo di benzina e gasolio. Siamo l’unica categoria di commercianti che non può traslare, neppure in parte, sui consumatori i maggiori costi delle merci. Ma i consumatori non sono tenuti a saperlo e quindi danno la colpa a noi”.
Si va dal raddoppio dei costi per una piccola area di servizio che tratti solo carburanti ad aumenti di gran lunga maggiori nel caso in cui l’impianto sia più grande o vi siano anche l’autolavaggio o l’attività di cambio gomme; senza contare le aree di servizio che abbiano anche il bar, perché in quel caso i costi dell’esercizio salgono ancora di più.
Particolarmente gravoso l’obbligo delle aperture notturne:
“Illuminare i piazzali di notte è uno dei nostri costi più significativi. Eppure non possiamo non tenere aperto, sia per ragioni di sicurezza (rifornimenti in emergenza, come ad esempio per le ambulanze, che fanno benissimo a protestare per l’aumento dei loro costi), sia per i self-service. Ma gli incassi non coprono neppure le spese: lavoriamo in perdita. Saremo costretti a interrompere il servizio notturno”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano