15.5 C
Torino
domenica, 14 Luglio 2024

Capodanno da “urlo” a Stupinigi, organizzatore accusato di truffa

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Truffa, omissione colposa di misure antifortunistiche, violazioni varie in materia di sicurezza, apertura abusiva di luoghi di pubblico spettacolo. Queste le accuse mosse nei confronti di un organizzatore di eventi, Francesco Pistarà, che aveva promosso un veglione davanti alla Palazzina di Caccia di Stupinigi. La serata si era conlusa con l’arrivo di carabinieri e vigili del fuoco chiamati dai partecipanti che non avevano potuto partecipare all’evento anche se avevano comprato il biglietto del costo di 100 euro, a causa della ressa.
Quarantatré le querele presentate in Procura. Della “festa da incubo” si sta occupando il procuratore Raffaele Guariniello.
All’evento parteciparono almeno duemila persone, ma il locale era troppo piccolo. Il veglione era stato pubblicizzato con una locandina e chi avesse voluto partecipare avrebbe dovuto telefonare a un numero di cellulare indicato. Evidentemente le richieste avevano, pero, superato di molto la capienza disponibile tanto che i querelanti lamentano mancanza di spazio, carenza di cibo e bevande e di servizi igienici.
Carenze riscontrate anche dal sopralluogo dei vigili del fuoco che però avevano anche evidenziato inadempienze di sicurezza, come la mancanza di un piano di emergenza, di estintori, di illuminazione e cartellonistica di emergenza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano