19.5 C
Torino
lunedì, 15 Luglio 2024

Caluso, scontro tir-treno: il cordoglio di Appendino

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Con un nota la sindaca e il vicesindaco della Città metropolitana, Chiara Appendino e Marco Marocco hanno espresso il proprio “Cordoglio e vicinanza profonda alle famiglie delle vittime del tragico incidente” che la scorsa notte ha coinvolto il treno Torino-Ivrea all’altezza di Caluso, in cui sono rimaste uccise due persone e ferite altre 23.
Il vicesindaco Marocco si è recato sul luogo dello scontro.
Intanto negli uffici della Procura di Ivrea, è incominciato l’interrogatorio di Darius Zujis, l’autista lituano di 39 anni che era alla guida del tir travolto sui binari della linea ferroviaria dal treno che è poi ha deragliato. L’uomo, che è indagato per disastro ferroviario, è assistito da un avvocato di fiducia. Non parla italiano e, per questo motivo, è presente anche un traduttore. A interrogarlo è il procuratore capo, Giuseppe Ferrando.
Da quanto è emerso dalle indagini il tir era diretto alla Bitux di Foglizzo, storica impresa di costruzioni generali dotata di un impianto di ultima generazione per la produzione di conglomerati bituminosi di alta qualità, Il grosso mezzo, con targa lituana, ma partito dalla Repubblica ceca, trasportava due enormi imbuti. Il passaggio a livello in cui il mezzo pesante è rimasto incastrato sui binari finendo travolto dal treno che è poi deragliato, dista infatti una quindicina di chilometri da Foglizzo.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano