27.7 C
Torino
mercoledì, 17 Luglio 2024

Bresso: “Nuove elezioni subito o ricorso al Tar”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

«Se gli organi preposti non procederanno ad indire subito nuove elezioni, ci rivolgeremo a Tar». È agguerrita Mercedes Bresso ringalluzzita dalla decisione del Consiglio di Stato di confermare la sentenza del Tar che annulla le elezioni del 2010.
L’ex presidente del Piemonte è stata polemica sui tempi, i quattro anni che sono stati necessari per accertare che le elezioni erano state vinte da Cota in modo illegittimo. «Un fatto – ha precisato – che dipende dalla complessità del sistema giudiziario italiano». Per la Bresso «ogni decisione in materia elettorale dovrebbe riportarsi ai soli Tribunali Amministrativi Regionali».
«Sono piemontese, falsa ma cortese si però con Cota il dialogo e impossibile». Così la Bresso si è tolta un po’ di sassolini dalle scarpe: «Qualcuno dovrà chiedere conto a Cota dei soldi spesi nelle cause per tutelare gli interessi di qualcuno e non della Regione che è neutrale» L’ex governatrice ha preannunciato un intervento alla Corte dei Conti per quanto speso dalla Regione nel ricorso presentato dai legali del governatore Cota, la cui elezione è stata clamorosamente annullata dal Tribunale Amministrativo Regionale del Piemonte.
E ha aggiunto: «Il governatore, anzi l’ex presidente, ha svolto quattro anni illegittimamente e fin dall’inizio era chiaro l’epilogo della vicenda».
Sul contrasto con Cota, interpellata in conferenza stampa su una possibile riconciliazione, ha risposto: «Non credo. E’ stato un confronto molto aspro anche se la vicenda non riguardava direttamente lui perché le persone chiamate in causa sono state altre». Ha poi così commentato le relazioni con il governatore con il fazzoletto verde: «Il dialogo non è stato possibile neanche come opposizione, con qualcuno degli assessori si, ma mai con lui. E’ una persona completamente autoreferenziale, che vive all’interno del piccolo mondo ristretto della parte di Lega. Sempre circondato da un piccolo gruppo di leghisti parla sempre e solo con loro».
Con una punta di orgoglio in conclusione la Bresso ha dichiarato: «Quando ho finito il mandato di Presidente al Comitato Europeo delle Regioni, i capigruppo delle altre parti politiche mi hanno riconosciuto un enorme capacità di dialogo e di equilibrio».
Moreno D’Angelo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano