25.3 C
Torino
venerdì, 18 Giugno 2021

Bonus Covid: Icardi, Borghi non faccia polemiche

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Replica piccata da parte dell’assessore alla Sanità del Piemonte, Luigi Icardi al parlamentare del Partito Democratico Enrico Borghi in materia di Bonus Covid, da elargire agli operatori sanitari che hanno lavorato durante l’emergenza Covid. Il dem infatti, ha dichiarato che: “Avessero fatto la legge come si conviene, i dipendenti sanitari piemontesi avrebbero già avuto in busta paga il bonus, stabilito con legge statale”. Per Borghi quindi i pagamenti sono bloccati.

“Purtroppo l’onorevole Borghi – dice Icardi – non ha ancora compreso che il problema non è la legge regionale, ma il decreto del Governo, che ha prodotto un corto circuito con la ragioneria dello Stato, tant’è che il ministro Speranza ha convenuto sulla necessità di attuare al più presto una modifica normativa o un’interpretazione autentica della norma in modo che le Regioni possano pagare per intero il Bonus Covid al personale sanitario impegnato nell’emergenza Coronavirus”.

“In qualità di coordinatore della Commissione Salute nazionale – aggiunge – il mio non è un intervento solo per il Piemonte, ma per tutte le Regioni che hanno premiato i lavoratori della Sanità. Chi siede in Parlamento, come l’onorevole Borghi, invece di ironizzare sul nulla, farebbe meglio a mettersi a disposizione per dare una mano, se non a me almeno a quanti hanno messo in gioco la propria vita per salvare quella degli altri. La riconoscenza si misura con atti concreti, non con le polemiche”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano