18.1 C
Torino
lunedì, 15 Luglio 2024

Assolto Catelli, sparò e uccise un uomo. Per i giudici è stata legittima difesa

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Aveva ucciso un uomo e ne aveva feriti altri due con alcuni colpi di pistola. Oggi la sentenza in appello ha assolto Antonio Catelli, 63 anni, dalle accuse di omicidio e di tentato omicidio.
L’uomo, guardia giurata ed ex autista del senatore Sergio Pininfarina, infatti, secondo i giudici, avrebbe agito per legittima difesa.
Non è caduta invece l’imputazione riguardo al ferimento di una delle vittime, ma la pena è stata ridotta da cinque a due anni di reclusione e sospesa dalla condizionale.
I fatti risalgono al 6 dicembre del 2008. Mario Catelli, figlio dell’imputato, ha rimproverato il padrone di un cane di grossa taglia che aveva fatto cadere la figlia di due anni urtandola in un giardinetto di piazza Montanari. Immediato l’intervento di un gruppo di persone, e così Antonio Catelli era sceso di casa per aiutare il figlio.
Ma la situazione degenerò. Antonio estrasse la pistola ed esplose quei colpi, fatali per Luca Ragusa, mentre i due Catelli riportarono solo alcune lesioni, feriti invece furono Carlo La Tona, il proprietario del cane, e Antonino La Tona, condannati per lesioni.

 © RIPRODUZIONE RISERVATA

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano