20.4 C
Torino
giovedì, 18 Luglio 2024

Appendino fa mangiare il panettone ai revisori: per le dimissioni si aspetta gennaio e una delibera in Sala Rossa

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Mangeranno il panettone, poi le dimissioni a feste finite. A gennaio, con una delibera in consiglio comunale, arriverà la richiesta da parte della maggioranza ai revisori di mollare. Per ora i rapporti restano gelidi.

Lo ha dimostrato con le parole la sindaca Chiara Appendino, che, nonostante l’influenza, si è presentata in commissione Bilancio per il tanto atteso faccia a faccia con il Collegio presieduto da Herri Fenoglio (in visibile difficoltà) dopo il parere non favorevole al Bilancio Consolidato 2016.
Appendino lo dice chiaro e tondo: «Non accetto che si facciano passare la giunta o gli uffici, in cui ho piena fiducia e che stanno facendo un lavoro egregio, per degli irresponsabili o dei matti. Al contrario, il nostro è un atto di responsabilità, la stessa che mi aspetto da parte di tutti, di qualunque parte politica».
Mentre i revisori spiegano che l’assenza del bilancio Gtt ha portato al loro parere negativo, Appendino ricorda al Collegio che esiste una nota integrativa, dove viene evidenziato il motivo per cui non è inserito.
«Quello che forse non è chiaro – aggiunge la sindaca – è che o si approvava il consolidato garantendo così servizi essenziali o non lo si approvava e questi non erano garantiti».
«Mi fa sorridere sentir dire che siamo degli irresponsabili -afferma la prima cittadina – mentre siamo di fronte a un atto di responsabilità di cui sono pienamente serena. Mi aspetto un atto di responsabilità anche di tutti quelli che ogni giorno ci chiedevano perché non assumiamo o perché non ci fosse ancora il comandante dei vigili. Il giochetto del ping pong – conclude – non lo stiamo certo facendo noi».
E i revisori? In difficoltà, dicevamo. Fenoglio abbozza che il loro è un parere tecnico contrario perché così dice la legge di fare. Qualcuno dei consiglieri fa notare che invece la legge proprio in questo caso “giustificherebbe”. E dunque? «Io capisco – risponde Fenoglio – se fossi stato nell’amministrazione avrei fatto lo stesso». Salvataggio in corner: «Il bilancio non corrisponde a quanto richiesto e può trarre in inganno perché manca Gtt, ma non per negligenza del Comune».
Poi torna sul giudizio negativo: «Il parere che abbiamo scritto è stato meditato, pensiamo sia un parere responsabile e dal nostro punto di vista non avrebbe potuto essere diverso».
«Non c’è nessuna contrapposizione con la giunta – sottolinea – facciamo il nostro lavoro in modo serio, equilibrato, con responsabilità, non per partito preso e non credo possa essere presa per contrapposizione se diamo un parere negativo».
«Partiamo da punti di vista diversi. La Città deve amministrare – precisa – e a livello personale, non come revisore, comprendo e sono lieto che vada avanti per non bloccare i servizi. Ma come revisori non avremmo potuto scrivere nulla di diverso perché secondo noi senza Gtt è un bilancio monco. Ognuno si assume le proprie responsabilità», conclude il presidente dei revisori dopo un’ora e mezza d’intervento, mentre l’assessore Sergio Rolando afferma che «alla luce di quanto rilevano dottrina giuridica e sentenze abbiamo agito come previsto e la giunta ha deciso di approvare l’atto perché altrimenti avremmo messo a rischio servizi essenziali per la città».
Intanto gli uffici presentano le controdeduzioni.

Ecco il documento integrale

 

Tra revisori e amministrazione finisce così. Per Herri Fenoglio, Maria Maddalena De Finis e Nadia Rosso siamo già ai titoli di coda.

 

 

(ha collaborato Michele Paolino)

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano