24.9 C
Torino
sabato, 13 Luglio 2024

Appendino ascoltata in Procura per tre ore: “Non ho nulla da nascondere, abbiamo agito nell’interesse dei torinesi”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

di Giulia Zanotti

È stata ascoltata per più di tre ore dagli inquirenti la sindaca Chiara Appendino accusata, in concorso al suo capo di Gabinetto Paolo Giordana e all’assessore al Bilancio Sergio Rolando, di falso ideologico in atto pubblico per la vicenda Ream.

È apparsa serena anche se un po’ provata dalla giornata, una delle più difficili da quando è sindaca di Torino. Uscita dall’ufficio del procuratore capo Spataro, dove si è recata spontaneamente per essere ascoltata accompagnata dal suo avvocato Luigi Chiappero, ha pronunciato poche parole per i taccuini dei cronisti: «Ho deciso spontaneamente di venire qui oggi per chiarire i fatti, abbiamo raccontato quanto è accaduto, ho piena fiducia nella magistratura, sono serena e ho scelto di venire qui oggi perché non abbiamo nulla da nascondere e abbiamo agito nell’interesse dei torinesi». «C’è un’indagine in corso, non racconto qui i dettagli dell’interrogatorio – ha detto ancora – è stata una chiacchierata corretta in cui abbiamo esposto i fatti alla luce di come abbiamo lavorato nell’ambito dell’approvazione del bilancio e tutto l’iter conseguente».

Con lei anche l’assessore Rolando e Paolo Giordana che saranno ascoltati prossimamente.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano