12.5 C
Torino
domenica, 19 Settembre 2021

Appendino al Viminale: con Minniti per parlare di Moi, malamovida e G7 a Torino

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nuova Società - sponsor
Moreno D'Angelo
Laurea in Economia Internazionale e lunga esperienza avviata nel giornalismo economico. Giornalista dal 1991. Ha collaborato con L’Unità, Mondo Economico, Il Biellese, La Nuova Metropoli, La Nuova di Settimo e diversi periodici. Nel 2014 ha diretto La Nuova Notizia di Chivasso. Dal 2007 nella redazione di Nuova Società e dal 2017 collaboratore del mensile Start Hub Torino.

di Moreno D’Angelo

L’esplosiva questione dell’ex Moi, le palazzine occupate dell’ex villaggio olimpico, è stata al centro dell’incontro al Viminale tra la sindaca Chiara Appendino e il ministro dell’Interno Marco Minniti, nel quale si è parlato anche del campo nomadi abusivo di via Germagnano e della cosiddetta “malamovida”. Tra i temi del confronto l’organizzazione dell’ambizioso appuntamento che vedrà Torino ospitare a settembre una tappa del G7 dei ministri dell’Industria, della Scienza e del Lavoro.

«Ringrazio il ministro Minniti per la disponibilità dimostrata nell’affrontare le questioni più rilevanti, a cominciare dalla sicurezza delle periferie» è stato il commento soddisfatto della sindaca torinese che ha ringraziato il prefetto di Torino Renato Saccone, commentando a fine incontro come «la collaborazione e il confronto quotidiano fra istituzioni siano il modo migliore per affrontare i problemi». Tornando sulla questione Moi la prima cittadina ha ricordato come proprio ieri la sua Giunta abbia dato il via libera alle firme del protocollo d’intesa con Prefettura, Regione Piemonte, Città Metropolitana, Compagnia di San Paolo e Diocesi, come base per le imminenti iniziative.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor
per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione
- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano

Nuova Società - sponsor