7.3 C
Torino
martedì, 13 Aprile 2021

Appendino: “Accelerare sui vaccini. Ma governo condivida decisioni con sindaci”

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

La sindaca Chiara Appendino in diretta su Tagadà di La7 parla dell’emergenza Covid, delle misure sanitarie e di quelle economiche. A partire dalla campagna vaccinale nei confronti della quale si augura che “ci sia un’accelerata perché da questa crisi usciamo solo con la vaccinazione, ma io sono confidente che nelle prossime settimane possa esserci il cambio di passo, stando a quanto ha detto il presidente Draghi”.

Proprio nei confronti del Premier, però, non manca qualche stoccata a proposito del recente Dpcm: “Decaro ha giustamente mostrato un fatto grave, cioè che per la prima volta un Dpcm non è stato condiviso con Anci. E spero che questo errore, se così vogliamo definirlo, possa essere corretto perché i sindaci sono i terminali dello Stato e i cittadini chiedono a noi. Quindi più si riesce a dialogare e ascoltare, meglio vengono formati i Dpcm magari si riescono anche a evitare alcune difficoltà informative”. 

E per quanto riguarda le misure economiche per sostenere le attività per Appendino “Non sono sufficienti non perchè non ci sia la voglia di ripartire – ha detto – ma perchè oggettivamente si arriva da un anno di stop and go, di investimenti fatti, pensiamo per esempio alle palestre che hanno passato l’estate ad adeguarsi e poi non hanno potuto riaprire. Un tema è che i sostegni non sono sufficienti e c’è un tema che riguarda la rapidità, perchè non sono rapidi a sufficienza”. “C’e’ un insieme di frustrazione evidente che rende sempre più complicato affrontare le difficoltà, sostegni insufficienti e con tempistiche che devono essere più veloci e poi anche un’incomprensione di incongruenze che sono di difficile spiegazione”. “Noi stiamo cercando di ragionare su quali possono essere i provvedimenti da proporre al governo affinchè arrivino uno scostamento e un nuovo decreto sostegni”.

Infine, sulle manifestazione No Mask la sindaca è categorica: “E’ inconcepibile che a distanza di un anno qualcuno non abbia ancora capito l’importanza dell’uso della mascherina, o non voglia capirla. Ho visto No Mask in piazza orgogliosamente senza mascherina, uno schiaffo a chi ha perso i propri cari o sta lavorando negli ospedali per superare questa crisi” conclude Appendino.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano