22.5 C
Torino
giovedì, 9 Aprile 2020

Appello processo Morano-Cacao, nei file audio presenti “anomalie”

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Buoni spesa Torino, ecco il link per fare la richiesta online

Come aveva annunciato previsto la sindaca Chiara Appendino ci sono stati dei problemi iniziali dovuti alle troppe entrate nel sito predisposto per la richiesta...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

Incendio in centro a Torino, in fiamme un negozio di fiori (VIDEO)

Le fiamme hanno avvolto il negozio di fiori sintetici, in via Santa Teresa, in pieno centro a Torino. A pochi metri da un supermercato....

Fallimento Scarpe & Scarpe, Fisascat Cisl Torino-Piemonte: “Rispetto per i dipendenti”

La Fisascat Cisl Torino-Piemonte commenta il rischio di fallimento della ditta Scarpe & Scarpe di Torino, chiedendo "rispetto e attenzione per i dipendenti" che...
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Tutto il processo d’appello dovrebbe basarsi su quei file audio dove, secondo le accuse, esiste la prova della richiesta illecita da parte del consigliere comunale Alberto Morano di 200 mila euro nella vicenda Cacao. Per quella che viene definita “la guerra fra le discoteche” sono imputate quattro persone, tra cui l’ex candidato sindaco del centrodestra già assolto in primo grado.

Gli audio che dovevano dimostrare, sempre secondo l’accusa, che Morano aveva chiesto del denaro ai proprietari della discoteca Cacao in cambio di un suo atteggiamento più soft il Sala Rossa in riferimento agli abusi presenti nel locale, non convince e l’avvocato Andrea Cianci, uno dei difensori, Andrea Cianci, ha ottenuto di fare intervenire in aula un suo consulente informatico, Giuseppe Dezani, che ha esaminato i file rilevando “anomalie, criticità e incongruenze”. La procura generale non si è opposta.

Il processo è stato aggiornato a marzo. Durante le indagini i pubblici ministeri avevano preso in consegna una registrazione che però presentava una interruzione piuttosto significativa in un momento chiave del colloquio. Il giudice del processo di primo grado, Francesca Christillin, la considerò inutilizzabile e, come scrisse per motivare le assoluzioni, “profondamente inquietante”.

Alla scorsa udienza un testimone si è presentato in aula dicendo di avere recuperato il file completo dal suo computer, dove l’aveva riversato.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

- Advertisement -Nuova Società - sponsor
- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Primo Piano

Coronavirus, Governo Conte verso la proroga delle restrizioni fino al 3 maggio

Il governo va verso il prolungamento del lockdown fino al 3 maggio. E' quanto si apprende da fonti sindacali al termine del vertice tra...

In Piemonte i guariti di oggi sono il doppio dei decessi

Altri 133 guariti in Piemonte, che arrivano oggi a quota 865 in tutta la Regione. 56 (+6) in provincia di Alessandria, 45 (+4) in...

Piemonte, Cirio chiude i supermercati per Pasqua e Pasquetta

Niente spesa nei supermercati per Pasqua e Pasquetta. Il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio ha firmato l'ordinanza che stabilisce la chiusura dei supermercati...

Coronavirus, Unione industriale Torino: “Mascherine bloccate da Inail”

L'Unione Industriale di Torino ha acquistato un ingente carico di mascherine per le imprese associate, 300.000 sono state importate dall'estero, ma forti ritardi burocratici...

Coronavirus, in Piemonte allarme usura

“La grave crisi di liquidità causata dall’emergenza Covid-19 è un terreno che anche in Piemonte potrebbe rivelarsi fertile per gli usurai”. La denuncia arriva...
- Advertisement -Nuova Società - sponsor