5.3 C
Torino
giovedì, 28 Ottobre 2021

Anagrafi, Damilano: “Serve tecnologia più smart”. Lo Russo torna all’antica: “Rafforziamo le sedi”

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.


E’ stato uno degli scogli su cui più volte si è incagliata l’amministrazione Appendino e ora il futuro sindaco è chiamato a risolvere il problema dei ritardi e delle lunghe attese all’anagrafe di Torino. 

Alla domanda sul questo tema durante il confronto fra i candidati sindaco organizzato dal Corriere della Sera al Salone del Libro Stefano Lo Russo e Paolo Damilano hanno dato risposte alquanto differenti. 

Per il candidato del centrosinistra si tratta di rafforzare la macchina comunale e di provvedere alla riapertura delle sedi decentrate con l’obiettivo di arrivare “entro 6 mesi a una settimana al massimo per avere la carta d’identità”. “L’anagrafe – dice Lo Russo – è un problema di macchina, di non corretta gestione delle procedure e dell’allocazione del personale. È l’esempio di una macchina comunale che va riorganizzata in termine di processi, deve avere una guida e dobbiamo immettere dei giovani e rimotivare i dipendenti. Altre grandi questioni – aggiunge – la digitalizzazione, che funziona se accompagnata e capita, e la riapertura delle sedi decentrate”.

Per lo sfidante di centrodestra invece si deve investire su “semplificazione e lavoro sul back office” valutando il rapporto costi-benefici per l’eventuale riapertura di uffici periferici oggi chiusi. Per Damilano, “il futuro deve essere fatto da digitalizzazione e semplificazione. Si deve lavorare molto sul back office, con tablet dove l’impiegato può svolgere più di una funzione. Inoltre – conclude a proposito delle riaperture – bisogna domandarsi quale sia la migliore delle soluzioni, capire il rapporto costi e benefici, perché se migliori la mobilità non è magari necessario investire su sedi che sarebbero sì più vicine ma magari non così necessarie e sostenibili”

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano