4.9 C
Torino
martedì, 1 Dicembre 2020

Allarme Ascom Torino: “Nuovo lockdown fatale all’85% delle imprese”

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Torino, 15 novembre studenti assediano le banche

Torino: studenti in piazza in assedio alle banche. Tensione con la polizia che accenna ad una carica. © RIPRODUZIONE RISERVATA
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

La ripresa delle attività non ha ancora risollevato le imprese, che continuano a fare fatica dopo il lockdown e che non potrebbero sopportare un nuovo stop. 

Lo dichiara l’Ascom secondo cui per l’85 per cento delle imprese una nuova chiusura sarebbe un colpo di grazia per il tessuto produttivo del territorio. I risultati della ricerca su imprese, commercio, turismo e servizi commissionata da Ascom per la provincia di Torino e relativa al secondo trimestre del 2020, fotografano un quadro di fiducia alquanto basso per quel che riguarda l’andamento dell’economia e ancora in pochi pensano che i rischi correlati alla diffusione del virus siano ormai alle spalle. 

Anche le previsioni sulla seconda parte dell’anno non sono migliori: la maggior parte degli imprenditori prevede una diminuzione del proprio fatturato rispetto al 2019, anche perchè la Fase 3 non è coincisa con un recupero dei consumi: la contrazione su base annua appare ancora molto forte (-29,4%) e un lieve rialzo dei consumi si è verificato solo immediatamente dopo la quarantena. 

Tra i settori più in crisi quello della ricezione turistica che nei mesi scorsi ha visto un azzeramento pressoché totale delle loro attività e che ora vedono il susseguirsi delle disdette per le prenotazioni estive. 

Molte imprese sono anche incerte sull’efficacia delle misure messe in campo dal governo contro la crisi e temono che terminate le stesse non riusciranno più ad sostenere il peso di tasse e personale. 

In questo quadro, aumentano i prezzi praticati dai fornitori e peggiorano ancora i tempi di pagamento dei clienti, che faticano a saldare le proprie posizioni e continueranno sullo stesso trend nei prossimi mesi, mettendo sempre più a rischio la tenuta finanziaria delle imprese. 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Toni Algerini, ex Berloni Torino, batte il Covid: “Al Mauriziano non mollano mai”

"E' un virus subdolo e terribile, se ha messo in ginocchio persino me che sono un gigante". Ricoverato all'ospedale Mauriziano di Torino...

Folla nei negozi, più controlli e misure severe contro gli assembramenti

La folla che ieri si è riversata nel centro di Torino al primo giorno di apertura dei negozi del Piemonte in zona...

A novembre 2021 le ATP Finals, Appendino: “Tennis rilancerà immagine Torino”

Torino si prepara al 2021 anno in cui ospiterà le Atp Finals di Tennis. L'evento, uno dei più importanti a livello mondiale...

DAD, Cirio risponde alle critiche: “Decisione basata su dati scientifici”

Risponde alle critiche di cui è stato oggetto nel weekend scorso Alberto Cirio dopo la decisione di non riaprire le scuole medie...

Piemonte zona arancione, ecco che cosa cambia

Si attende ancora l'ufficialità che dovrebbe arrivare in un paio di giorni, ma intanto il governatore del Piemonte Alberto Cirio annuncia l'uscita...