19.6 C
Torino
martedì, 23 Luglio 2024

A Pasqua Torino riscopre i turisti: musei sold-out e lunghe code

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Strade piene di turisti, ristoranti al completo, parchi presi d’assalto. La Pasqua 2022 a Torino sembra aver fatto dimenticare il Covid, con scenari pre-pandemia di una città gremita di turisti e di torinesi. 

Sold-out nel weekend di Pasqua al Museo Nazionale del Cinema di Torino con oltre 4mila presone che hanno visitato la Mole Antonelliana. Sold-out la biglietteria online, impossibile da giorni provare ad acquistare un biglietto via internet. Tutte esaurite anche le visite guidate a disposizione. 
“Sono numeri che ci riportano al periodo pre pandemia – sottolinea Enzo Ghigo presidente del Museo Nazionale del Cinema -, con un turismo prevalentemente italiano e una buona presenza di stranieri. Noi saremo aperti anche domani e ci aspettiamo un altro tutto esaurito. È bello rivedere la città piena di turisti, un altro segnale del ritorno alla normalità. La mostra “Dario Argento. The Exhibit” sta riscuotendo un grande successo e siamo molto soddisfatti dei risultati, segno che la politica di aggiornamento che stiamo portando avanti con le nostre proposte sta andando nella direzione giusta. E proprio nell’ottica del turismo, ci stiamo anche preparando all’appuntamento con Eurovision, proponendo ogni giorno una visita guidata in inglese, acquistabile direttamente online”. 

Torinesi e turisti hanno apprezzato anche la proposta culturale dei Musei Reali di Torino che nel weekend di Pasqua hanno accolto  oltre 11 mila visitatori.

Alle 13 di lunedì 18 aprile erano infatti 9772 gli ingressi ai Musei Reali mentre in 1277 hanno scelto di visitare A tu per tu con Leonardo la mostra che racconta e documenta l’attività del grande maestro del Rinascimento italiano dagli esordi della sua carriera a Firenze fino agli studi milanesi dedicati alle macchine, all’anatomia, alle proporzioni e alle espressioni del volto umano, per arrivare al sogno del volo. Si stimano oltre 11500 ingressi. 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano