18.1 C
Torino
martedì, 22 Settembre 2020

Un treno come tanti altri

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Scritto da Battista Gardoncini
Sono e resto a favore della TAV. L’attuale sindaco di Torino ha detto che è il passato. Io penso invece che sia il futuro, perché è un tassello, costoso ma utile, di quel progetto di integrazione europea che resta nonostante tutto una delle poche idee di ampio respiro in un mondo minato dai particolarismi.
Una idea che conserva la sua validità anche se negli ultimi anni si è appannata per i molti errori di una classe dirigente più attenta alle esigenze della finanza che a quelle dei cittadini.
Le infinite discussioni che la Tav ha suscitato in tutti questi anni sono riuscite a dimostrare una sola cosa: le argomentazioni politiche, tecniche e a volte addirittura etiche degli uni non convincono gli altri, e viceversa, come sempre accade quando gli animi si riscaldano.
Oggi però la Tav non è un progetto, ma una realtà decisa e finanziata nel rispetto di tutte le regole democratiche, con votazioni a livello europeo, nazionale, regionale e locale.
Rimetterla in discussione, a prescindere dai costi delle penali, avrebbe senso soltanto in presenza di un significativo mutamento di opinione, che secondo tutti i sondaggi non c’è stato. E il fatto che i suoi avversari non abbiano mai avanzato la richiesta di un referendum nazionale sul tema autorizza a pensare che lo sappiano benissimo  anche loro.
Le manifestazioni che negli ultimi giorni hanno riportato la questione al centro dell’attenzione, quella No Tav di sabato e quella Sì Tav di novembre, hanno riempito le piazze, ma non hanno modificato la situazione. Personalmente mi è piaciuta di più quella dei No Tav, perché c’erano tantissimi giovani entusiasti e perché gli organizzatori sono riusciti ad isolare le frange estremiste che abbiamo visto troppo spesso all’opera in Val di Susa.
Ho guardato invece con qualche sospetto ai troppi capelli grigi con annesso golfino di cachemire  – peraltro simili ai miei – che abbondavano nella piazza Sì Tav, e mi hanno infastidito i toni usati dalle “madamine” e dai loro suggeritori per preparare l’evento e gestirne i risultati. Ma in entrambi i casi appariva evidente che la Tav era soltanto un pretesto, il simbolo di un contrasto più profondo, di un diverso modo di immaginare il futuro del paese.
La sfida dei prossimi anni è quella delle priorità, che andrebbero individuate senza ricorrere alle false semplificazioni di slogan come “sviluppo” o “decrescita” più o meno felice. Di questo una politica degna di questo nome dovrebbe discutere, se ne fosse ancora capace.
E allora, forse, si scoprirebbe che la Tav è soltanto un treno uguale ai tanti altri che attraversano ogni giorno l’Italia, l’Europa e il mondo.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Laus: “Periferie diventino zone franche urbane”

Da tempo Torino è salita sul podio nazionale delle città con le periferie più popolate. E il primato purtroppo le è valso...

Moncalieri, Paolo Montagna si conferma sindaco. Ballottaggio a Venaria e Alpignano

Secondo mandato per Paolo Montagna, l'esponente del Partito Democratico che al primo turno si riconferma sindaco di Moncalieri con un consenso che...

Pd, lavorare sulle periferie per superare il voto “di protesta”

L'analisi del voto, a caldo, è sempre frutto di una percezione personale in attesa di dati più chiari, flussi e studi più...

Caso Ream, Appendino: “Ho agito in buona fede. Resto sindaca ma mi autosospendo da M5s”

Dopo la sentenza di primo grado che la condanna a sei mesi per il reato di falso in atto pubblico relativo al...

I Cinque Stelle dalla parte di Appendino: “Continuiamo a sostenerla”

Se la maggioranza pentastellata ha vissuto momenti di crisi e ha dubitato della propria sindaca non è di certo oggi. Anzi la...